Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'esposizione a scarico diesel può esacerbare le malattie respiratorie

I ricercatori nel Regno Unito, per la prima volta, hanno indicato come l'inquinamento dello scarico dai motori diesel può pregiudicare i nervi all'interno del polmone. L'inquinamento atmosferico è una minaccia significativa contro salubrità, dicono ed identificando i meccanismi potenziali che collegano l'esposizione a scarico diesel e l'esacerbazione delle malattie respiratorie può piombo ai trattamenti per quelle influenzate.

Il sig. Ryan Robinson, uno studente di PhD al cuore nazionale ed istituto del polmone, istituto universitario imperiale Londra, Regno Unito, dirà oggi la tredicesima conferenza respiratoria europea di scienza del polmone della società (sabato) circa il suo lavoro studiante le particelle diesel dello scarico ed i nervi sensoriali della galleria di ventilazione. Le notizie vengono mentre i polmoni sani per vita fanno una campagna, lanciato dalla società respiratoria europea e dalle fondamenta europee del polmone, richiedono a posti questo anno che mira a sollevare la consapevolezza di importanza di respirazione dell'aria pulita.

Lo scarico diesel è una componente significativa di inquinamento atmosferico urbano, contenente una miscela complicata dei gas e delle particelle sospese nell'aria. “Gli studi hanno indicato che l'esposizione a queste particelle diesel è associata con gli effetti sulla salute nocivi,„ dice il sig. Robinson. “Queste particelle sono molto piccole - giù a 20 nanometri di diametro - e sono quindi non solo invisibili all'occhio nudo, ma possono penetrare in profondità nei polmoni.„

I polmoni contengono i numerosi nervi sensoriali che possono individuare gli stimoli potenzialmente nocivi e così che permettono che l'organismo risponda, per esempio avviando una tosse. “Tuttavia, sappiamo che questi nervi possono anche partecipare ad esacerbare le circostanze respiratorie, per esempio inducendo i bronchi a restringersi nelle malattie quale asma,„ dice il sig. Robinson

I ricercatori, che il professor Maria Belvisi dei supervisori di sig. Robinson incluso, il professor Terry Tetley ed il professor Alexandra Porter, trovato che le particelle diesel da un carrello elevatore a forcale potrebbero attivare i nervi sensoriali della galleria di ventilazione in un modello in vivo anaesthestised della cavia. “Era interessante vedere che i nervi più chimicamente sensibili della galleria di ventilazione fossero implicati, piuttosto che sensibili meccanicamente quei,„ dice il sig. Robinson.

I ricercatori poi hanno usato un preparato isolato in vitro del nervo che li ha permessi di sondare i meccanismi ha compreso più rapido. “La prima cosa che abbiamo notato era che le particelle, una volta pulite, erano inoffensive. Era chiaro che i prodotti chimici isolati da un'estrazione organica delle particelle diesel erano chiave all'attivazione del nervo, che ha fatto un backup i dati che abbiamo veduto in vivo,„ lui dirà la conferenza.

Per capire come l'estratto diesel ha attivato i nervi della galleria di ventilazione, i ricercatori hanno usato farmacologico e genetico tramorta gli strumenti. “Ampiamente è conosciuto che i sensori ambientali conosciuti come i canali ionici potenziali del ricevitore (TRP) transitorio sono chiave all'attivazione del nervo sensoriale della galleria di ventilazione, in modo da abbiamo deciso di bloccare vari canali differenti per scoprirlo se un estratto di diesel potrebbe attivare qualsiasi di loro,„ diremo.

I ricercatori hanno trovato che le risposte all'estratto diesel sono state determinate dall'attivazione del canale di TRP ankryin-1 (TRPA1). Egualmente hanno scoperto che l'applicazione di un antiossidante ha abolito le risposte all'estratto. “Lo sforzo ossidativo, uno squilibrio fra le perturbazioni nello stato ossidativo normale delle celle e la capacità del sistema riparare il danno risultante, è collegato a molte malattie ed è un attivatore conosciuto TRPA1,„ dice il sig. Robinson.

Questa ricerca è, tuttavia, solo un primo punto verso la comprensione come l'inquinamento atmosferico può pregiudicare i nervi sensoriali della galleria di ventilazione ed i riflessi respiratori. Se altri tipi di combustibili attivano i nervi della galleria di ventilazione resta vedere ed è anche possibile che possano avere un effetto molto più potente in questa area che il diesel. Egualmente sarà cruciale determinare se l'attivazione aumentata dei nervi sensoriali spiega perché alcune sono più suscettibili degli effetti di inquinamento atmosferico che altre, i ricercatori dice.

“Speriamo che il nostro lavoro possa piombo ai trattamenti o alle strategie di gestione che può aiutare quelli con le malattie respiratorie quale asma che sono influenzate specialmente da inquinamento atmosferico,„ dice il sig. Robinson. “I nostri risultati indicano che il nostri ricorso ai combustibili fossili e particolarmente diesel, potrebbero essere nocivo alla nostra salubrità, supportante l'idea che dovremmo guardare verso le sorgenti del combustibile alternativo. Crediamo che i nostri dati evidenzino un meccanismo alternativo importante da cui il diesel contribuisce alla malattia respiratoria e più ulteriormente influenzerà i governi nella ricerca per iniziare il cambiamento,„ lui concludano.

Source:

European Lung Foundation