La nuova ricerca rivela come un fungo micidiale si sviluppa ed uccide le celle immuni

La nuova ricerca dall'università di Toronto ha scienziati ripensare come un fungo letale coltiva ed uccide le celle immuni. Lo studio suggerisce un nuovo approccio alla terapia per i albicans del candida, una della maggior parte delle cause comuni delle infezioni della circolazione sanguigna.

Precedentemente, gli scienziati hanno ritenuto che i albicans del candida si spargessero cambiando da una singola, cella rotonda ad una serie lunga di celle, o dai filamenti. Hanno pensato questo cambiamento di forma permettesse che il fungo si muovesse attraverso la circolazione sanguigna e che lasciasse i sui filamenti penetrare i tessuti e distruggere le celle immuni.

Ma il nuovo studio, pubblicato oggi nelle comunicazioni della natura, indica che un po'dello zucchero sulla superficie delle celle fungose avvia la morte delle celle immuni che ucciderebbero altrimenti il fungo.

“Non è il forma-cambiamento di per sé che permetta al fungo di uccidere la cella immune, ma che cosa accade con,„ dice il professor Leah Cowen, ricercatore del cavo sullo studio che tiene la presidenza della ricerca del Canada nella genomica microbica e la malattia infettiva in U del dipartimento della t della genetica molecolare. “L'aggiunta delle proteine glicosilate, che sono proteine con uno zucchero fissato, ricostruisce la superficie delle celle fungose.„

Cowen ed il suo laboratorio hanno trovato che i albicans del candida possono uccidere le celle immuni anche dopo che le sue celle sono morto. Hanno lasciato le celle immuni chiamate macrofagi consumare il fungo e dopo un'ora hanno eliminato le celle fungose dai macrofagi. Poi hanno esposto i nuovi macrofagi alle celle fungose che erano state consumate ed a quelle che non hanno avuti ed hanno confrontato i risultati.

“Le celle fungose che non sono state interiorizzate mai dai macrofagi non potrebbero uccidere i macrofagi freschi, ma quelli che erano stati dentro un macrofago potrebbero uccidere meravigliosamente,„ dice Cowen. Quella che trova era una bugna. I ricercatori ragione per cui il cambiamento nelle celle fungose che le hanno trasformate negli uccisori era probabilmente sulla loro superficie, poiché le celle morte non hanno trattamenti interni attivi.

I ricercatori poi hanno usato un enzima chiamato Endo H per tagliare fuori dagli zuccheri sulle proteine glicosilate fissate alle celle fungose morte. Il cambiamento completamente ha bloccato la capacità del fungo di uccidere -- un forte inganna una nuova e strategia terapeutica necessaria per i albicans del candida.

Globalmente, i funghi uccidono più di 1,5 milione di persone all'anno. Negli Stati Uniti, i funghi del candida rappresentano quasi 90 per cento delle micosi ospedale-acquistate e nel Canada sono il terzo la maggior parte della causa comune delle infezioni della circolazione sanguigna in unità di cure intensive. Più di 40 per cento della gente con un'infezione sistematica dei albicans del candida moriranno.

Una terapia che mira alla capacità delle celle fungose di imbrogliare il sistema immunitario stava promettendo, dice Cowen, perché potrebbe minimizzare gli effetti sui microbi sani ed evitare stimolare la farmacoresistenza.

Pure, alcuni anti--fungals in via di sviluppo -- compreso uno nel laboratorio di Cowen -- sono ostacolati perché le proteine bersaglio sono presenti sia in funghi che in esseri umani. Quello significa che una droga deve distinguere fra le versioni fungose ed umane dell'obiettivo. “Se sviluppate una droga che mira a qualcosa che sia trovato soltanto in funghi, è meno probabile avere effetti secondari in un essere umano,„ dice Cowen.

Nelle sue comunicazioni della natura studi, Cowen ha usato una libreria mutante dei albicans potenti del candida, che la ditta farmaceutica Merck recentemente ha reso pubblica. La libreria ha lasciato Cowen ed il suo gruppo verificare la funzione di quasi tutti i geni nel genoma dei albicans del candida, in cui prima che potrebbero verificare appena 10 per cento. “Realmente ci ha lasciati avvicinarsi a questo agente patogeno da una prospettiva olistica e valutare il ruolo di tutti i sui geni nella malattia,„ dice Cowen.

I ricercatori hanno usato la libreria per fare la prima analisi del genoma-disgaggio della capacità del fungo di deformare e svilupparsi ed hanno scoperto più di 800 regolatori di questo trattamento, che hanno pubblicato oggi con i loro altri risultati.

“È fresco perché abbiamo una tonnellata di nuova biologia da esplorare, centinaia di obiettivi possibili della droga e un nuovo apprezzamento di come gli agenti patogeni fungosi interagiscono con i sistemi immunitari,„ dice Cowen. “È stato molto divertimento.„

Source:

University of Toronto