Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Gli Scienziati scoprono la proteina che amplifica l'immunità ai virus ed al cancro

Gli Scienziati hanno scoperto una proteina che svolge un ruolo centrale nella promozione dell'immunità ai virus ed al cancro, aprente la porta alle nuove terapie.

Gli Esperimenti in mouse e cellule umane hanno indicato che la proteina promuove la proliferazione delle celle di T citotossiche, che uccidono le cellule tumorali e le celle infettate con i virus. La scoperta era inattesa perché la nuova proteina non ha avuta funzione conosciuta e non somiglia a qualunque altra proteina.

I Ricercatori dall'Istituto Universitario Imperiale Londra che piombo lo studio ora stanno sviluppando una terapia genica destinata per amplificare le celle di infezione-combattimento e la speranza cominciare le prove umane durante tre anni.

Lo studio egualmente ha fatto partecipare i ricercatori all'Università di Londra di Queen Mary, a ETH Zurigo ed alla Facoltà di Medicina di Harvard. La Loro scoperta, che è stata di sei anni nella fabbricazione, è riferita oggi nella Scienza del giornale.

Le celle di T Citotossiche sono una componente importante del sistema immunitario, ma una volta affrontati alle infezioni serie o al cancro avanzato, non possono spesso proliferare in quantità abbastanza grande per combattere la malattia.

Schermando i mouse con le mutazioni genetiche, il gruppo Imperiale ha scoperto uno sforzo dei mouse che hanno prodotto 10 volte altrettante celle di T citotossiche una volta infettati con un virus rispetto ai mouse normali. Questi mouse hanno soppresso l'infezione più efficacemente ed erano più resistenti a cancro. Egualmente hanno prodotto più di un secondo tipo di celle di T, celle di memoria, permettendo loro di riconoscere le infezioni che hanno incontrato precedentemente e di lanciare una risposta rapida.

I mouse con immunità migliorata hanno prodotto gli alti livelli di una proteina fino ad ora sconosciuta, che i ricercatori hanno nominato molecola di espansione del linfocita, o di LEM. Hanno continuato ad indicare che LEM modula la proliferazione delle celle di T umane come pure in mouse.

I ricercatori ora mirano a sviluppare una terapia genica destinata per migliorare l'immunità amplificando la produzione di LEM. Con il supporto delle Innovazioni Imperiali, la società di commercializzazione della tecnologia per l'Istituto Universitario, i ricercatori file due brevetti. Una società chiamata ImmunarT è stata formata allo scopo di commercializzare la tecnologia.

Il Professor Philip Ashton-Rickardt dalla Sezione del Immunobiology nel Dipartimento di Medicina ad Imperiale, che piombo lo studio, ha detto: “Le Cellule tumorali hanno modi sopprimere l'attività A cellula T, aiutante li per sfuggire al sistema immunitario. Geneticamente costruire le celle di T per aumentare la loro capacità di combattere il cancro è stata uno scopo per un po di tempo e le tecniche per la modificazione loro già esistono. Introducendo una versione attiva del gene di LEM nelle celle di T dei malati di cancro, speriamo che possiamo fornire un trattamento robusto per i pazienti.

Dopo verificheremo la terapia in mouse, assicurarsela sono sicura e vedere se può combinarsi con altre terapie. Se tutto va bene, speriamo di essere pronti ad effettuare le prove umane durante circa tre anni

La ricerca è stata costituita un fondo per dal Consiglio di Ricerca Medica, dalla Fiducia di Wellcome e dalle Fondamenta Britanniche del Cuore.

Il Dott. Mike Turner, Testa dell'Infezione ed Immunobiology Al Wellcome Si Fida Di, detto:

La scoperta di una proteina che potrebbe amplificare la risposta immunitaria non solo a cancro, ma anche ai virus, è affascinante. L'Indagine successiva nei modelli animali è necessaria prima che le prove umane possano cominciare, ma c'è potenziale per un nuovo tipo di trattamento che sfrutta la capacità innata del sistema immunitario di individuare ed uccidere le celle anormali

Sorgente: Istituto Universitario Imperiale