Tomosynthesis individua più cancri al seno confrontati alla mammografia tradizionale

Tomosynthesis individua 40% nuovi cancri al seno che la mammografia tradizionale fa, secondo uno studio importante della selezione dall'università di Lund, la Svezia. Ciò è il primo studio su grande scala per paragonare il metodo di vagliatura ai mammogrammi regolari. La tecnica dei raggi x 3D sta egualmente più bene per le donne, poichè la compressione del petto è divisa in due.

Complessivamente 7 500 donne invecchiate 40-74 hanno partecipato nella prima metà dello studio, che ha costituito la base per i risultati.

“Vediamo un cambiamento come inevitabile. Il tomosynthesis del petto sarà presentato, è appena una domanda di quando e su che disgaggio,„ spiega Sophia Zackrisson e Kristina Lång, radiologi all'ospedale universitario di Skåne in Malmö e ricercatori all'università di Lund.

Il tomosynthesis del petto è una tecnica tridimensionale dei raggi x che lo rende più facile individuare i tumori nel tessuto del petto. La tecnica lavora allo stesso principio della tomografia. Ciò significa che le immagini dei raggi x del petto si acquistano dagli angoli differenti, che possono poi mostrare gli strati sottili multipli del petto. Ciò è paragonata ad una mammografia tradizionale, dove tutto il tessuto del petto è riprodotto in una singola immagine, che può ostacolare l'individuazione tempestiva dei tumori.

La nuova tecnica egualmente diminuisce il disagio ed il dolore, perché il petto non deve essere compresso saldamente quanto nella tecnica corrente dell'esame. Ciò ha potuto piombo ai livelli elevati di partecipazione ai programmi di 'screening'futuri.

Fra gli altri vantaggi sono le dosi di radiazioni più basse che nella mammografia tradizionale e la disponibilità della strumentazione sul servizio, che faciliterebbe una transizione.

Tuttavia, ci sono alcune sfide che rimangono prima che il metodo possa essere introdotto su vasta scala. Come con altri metodi di vagliatura, c'è un rischio di overdiagnosis (nella selezione di mammografia, la cifra è 10-20 per cento). I ricercatori non conoscono che cosa quel numero è per il tomosynthesis ed ulteriori studi sono necessari studiare la tariffa del overdiagnosis con il tomosynthesis.

Lo studio ha trovato che c'era un aumento nelle tariffe di richiamo, significanti che le donne più sane con le lesioni benigne sono state richiamate per ulteriore prova. Ciò è uno svantaggio nella selezione, dice Kristina Lång, poichè può causare lo stress psicologico inutile.

La ricerca in corso egualmente esaminerà i costi. Il tomosynthesis del petto è una tecnica piuttosto più costosa.

“Vediamo cinque a tra dieci anni come calendario possibile per l'introduzione su grande scala della tecnica. C'è egualmente un'aspirazione a più selezione personale e il tomosynthesis del petto potrebbe quindi essere uno di parecchi metodi impiegati„, conclude Sophia Zackrisson.

Source:

Lund University