Il bambù ha potuto aumentare la diffusione del hantavirus, avverte l'ecologo di WSU

I ricercatori di Washington State University dicono che la popolarità di abbellimento del bambù potrebbe aumentare la diffusione del hantavirus, con la produzione di sementi prolifica dell'impianto che crea una giraffa della popolazione fra i mouse di cervi del seme-cibo che portano la malattia.

Impermeabile di Richard, un ecologo a scuola di WSU delle scienze biologiche, dettagli come uno scoppio potrebbe accadere in un'edizione recente del giornale online PLOS UNO.

Gli impianti di bambù stanno sviluppando nella popolarità, giudicante dal numero aumentato delle specie quotate dalla società di bambù americana. Alcuni si sviluppano in mucchi relativamente autonomi, mentre altri cosiddetti “bambù funzionanti„ possono spargersi rapido dai gambi in sotterraneo chiamati rizome, rendente li difficili contenere.

Hanno cicli di fioritura estremamente intermittenti ma quando fioriscono, o albero, essi producono i gran quantità del seme sopra l'altrettanto come 18 mesi. Durante quel tempo, i mouse di cervi possono subire parecchi cicli riproduttivi. Quando il seme è andato, andranno cercare le nuove sorgenti dell'alimento nella zona delle case umane e di altre abitazioni.

Più di uno in 10 mouse di cervi porta il hantavirus, che è sparso attraverso il contatto con la loro urina, escrementi animali o polvere contaminata. La gente che cattura tipicamente la malattia ha alcuni giorni dei sintomi del tipo di influenza seguiti dalle complicazioni respiratorie e polmonari. Approssimativamente uno in tre casi è interno, secondo il dipartimento di stato di salubrità.

Come componente del suo studio, l'impermeabile ha incluso il seme di bambù dalla Cina e lo ha alimentato a dozzine di mouse di cervi laboratorio-elevati, conosciuti scientifico come maniculatus del Peromyscus.

“Lo amavano,„ ha detto. “Generalmente, lo hanno preferito al cibo del ratto.„

Le prove della riproduzione e la modellistica successive della popolazione hanno suggerito che i mouse potrebbero avere giraffe della popolazione simili a quelle vedute in roditori asiatici e sudamericani durante il bambù che alberano gli eventi.

“Contendiamo che un rischio sostanziale di simile sequenza potrebbe sorgere in America settentrionale dovuto la proliferazione e l'espansione rapide dei bambù correnti non indigeni all'interno dell'intervallo del maniculatus del P.,„ l'impermeabile abbiamo scritto con i co-author Richard Gomulkiewicz, professore di WSU e Melissa Smith, studente di laurea di precedente impermeabile ora al dipartimento degli Stati Uniti del laboratorio di ricerca dilagante dell'impianto Agricoltura-ARS in Fort Lauderdale, Florida.

L'impermeabile sollecita che uno scoppio del bambù-mouse-hantavirus è soltanto una possibilità ma nota che una tal rapida si è sparsa ed aumenta in abbondanza delle similarità non indigene dei ribassisti di un impianto ad altre invasioni biologiche. Alcuni bambù inclusi farebbero bene nelle foreste di conifere del nord-ovest ed i mouse di cervi nell'intervallo naturalizzato dei bambù possono crescere annuale.

Come precauzione, l'impermeabile sta raccomandando un cambiamento negli Stati Uniti e le polizze canadesi di quarantena di impianto per sradicare il bambù non indigeno aggressivamente di diffusione sui terreni pubblici, come è già la pratica nei parchi nazionali degli Stati Uniti. Egualmente suggerisce che i regolatori studino la possibilità di valutare gli intervalli degli impianti di bambù ed il sapore gradevole di fioritura del seme prima del lasciarli in Stati Uniti.

Source:

Washington State University