Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Gente obesa al maggior rischio di sviluppare cancro

Il Cancro è più probabile svilupparsi nella gente che è molto di peso eccessivo (obeso), perché il grasso corporeo in eccedenza interferisce con i vari cicli dell'ormone e con glucosio e metabolismo grasso. In occasione del giorno europeo dell'obesità questo sabato venente (16 maggio), l'esperto metabolico Alexandra Kautzky-Willer, centro completo del Cancro (CCC) a MedUni Vienna e policlinico di Vienna, attira l'attenzione sul fatto che, anche in Austria, sempre più la gente sta soffrendo dall'obesità. Parecchi studi quindi stanno intraprendendi a ccc per studiare i collegamenti fra l'obesità, i disordini metabolici ed il cancro.

L'obesità è molta in aumento in paesi industrializzati. Corrente 15% degli uomini e 10% delle donne in Austria sono morboso obesi. Gli ultimi studi indicano che le giovani donne e le donne postmenopausali sono influenzate specialmente da questa tendenza negativa. Gli adulti sono considerare come essendo obesi se hanno un indice di massa corporea (BMI) di più di 30. Un BMI tra compreso 18,5 e 24,9 è considerato normale ma, ad un BMI di più di 25, siete considerato come di peso eccessivo.

Il grasso addominale è particolarmente pericoloso

I nuovi dati da uno studio internazionale, che è stato pubblicato in oncologia della lancetta nel 2015, indicano che 5,4% di tutti i cancri in donne e 1,9% dei cancri negli uomini sono associati con un alto BMI. Ciò è particolarmente vero per i cancri dell'esofago, delle viscere, dei reni, del pancreas e - in donne - della cistifellea, delle ovaie, dell'utero e del cancro al seno postmenopausale. Endocrinologo e consulente nella medicina di genere, Alexandra Kautzky-Willer, principale vice del dipartimento di università di medicina interna III di MedUni Vienna e membro del centro completo Vienna (CCC) del Cancro: “La gente con un BMI di 30 e sopra è principalmente commovente. Un aumento in BMI soltanto da un fattore di 1, per esempio 29 - 30, aumenta il vostro rischio di cancro vicino fra 3% e 10% per i tipi detti di cancri. Specialmente il grasso addominale, anche conosciuto come grasso viscerale, ha un impatto negativo su salubrità, poiché aumenta il vostro rischio di cancro ed incoraggia lo sviluppo dei disordini metabolici quale il diabete, o sulla malattia cardiovascolare.„

I depositi grassi nell'area addominale aumentano il rischio di cancro per parecchie ragioni: in primo luogo, il tessuto adiposo è ormonalmente attivo, produce gli ormoni del tessuto adiposo e cambia il bilanciamento delle ormoni sessuali - per esempio convertendo più precursori dell'androgeno in estrogeno. Ciò incoraggia lo sviluppo e la crescita dei tumori in relazione con l'ormone, quali i vari moduli di cancro al seno o di cancro dell'endometrio. La variazione nociva nel bilanciamento delle ormoni sessuali e degli ormoni del tessuto adiposo direttamente ed incoraggia indirettamente la crescita del tumore. Egualmente piombo ad un aumento nell'insulino-resistenza, che l'organismo risponde ad a sua volta aumentando la produzione dell'insulina. Kautzky-Willer: “Il problema con quello è che l'insulina non solo regolamenta il metabolismo ma può anche fungere da ormone stimolante della crescita ed incoraggiare la divisione cellulare e quindi la crescita del tumore. Possiamo quindi vedere uno stretto rapporto fra il diabete e determinati tipi di cancri, in particolare fegato e cancro del pancreas. Le alte glicemie egualmente sembrano più ulteriormente promuovere la crescita del tumore.„ Un altro aspetto è che i trattamenti infiammatori cronici possono accadere nella regione del grasso addominale e questi egualmente favoriscono lo sviluppo di cancro. Kautzky-Willer: “La cosa positiva è che potete fare qualcosa circa questo rischio mediante peso perdente o la conservazione dell'occhio sul vostro peso dall'inizio. Molti tipi di cancri hanno potuto essere evitati facilmente in questo modo; una dieta e un esercizio Mediterranei egualmente aiutano.„

Ulteriore ricerca sui collegamenti

Al centro completo del Cancro (CCC) di MedUni Vienna e del policlinico di Vienna stanno conducendo ulteriore ricerca sui collegamenti fra l'obesità, il diabete ed il cancro. Per esempio, lo studio di CANDY (CANCRO E DIABESITY) è stato installato. Ciò esamina il collegamento fra il diabete e le malattie del tumore. Altri studi stanno studiando l'influenza di varie droghe del diabete sullo sviluppo di cancro e del corso della malattia. Ciò dovrebbe contribuire più ulteriormente a migliorare i trattamenti della droga.

Giro addominale un migliore indicatore che BMI

Sebbene, anche in pubblicazioni scientifiche, il BMI sia comunemente usato come valore guida, gli esperti lo considerare soltanto come un indicatore generale. Kautzky-Willer: “Il BMI si riferisce al peso corporeo e non fa distinzione fra il tessuto adiposo ed il Massachusetts del muscolo. Così, per esempio, un culturista, che è molto pesante a causa della sua massa del muscolo ma appena ha affatto grasso affatto, avrebbe un BMI molto alto. Il giro addominale, d'altra parte, è un indicatore molto più affidabile del peso eccessivo o dell'obesità, perché può essere usato specificamente per determinare la proporzione di tessuto adiposo.„