Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Uomini con asma meno probabile sviluppare carcinoma della prostata letale

In cui stanno chiamando un'individuazione sorprendente in uno studio grande degli uomini che hanno completato i questionari e gli scienziati permessi per esaminare le loro cartelle sanitarie, i ricercatori di Johns Hopkins riferiscono che gli uomini con una cronologia di asma erano meno probabili che quelli senza per sviluppare il carcinoma della prostata letale.

Nella loro analisi dei dati raccolti da 47.880 uomini ed ha descritto il 27 febbraio online nel giornale internazionale di Cancro, gli scienziati hanno trovato che gli uomini con una cronologia di asma erano 29 per cento meno probabili da essere diagnosticato con carcinoma della prostata che si è sparso o da morire del loro carcinoma della prostata. Gli uomini globali e asmatici erano 36 per cento meno probabili da morire della malattia.

I risultati sono particolarmente sorprendenti, perché alcuni studi hanno suggerito che il carcinoma della prostata sia collegato al genere di infiammazione connesso con asma, che stessa è uno stato infiammatorio cronico, dice Elizabeth A. Platz, Sc.D., M.P.H., un professore dell'epidemiologia al banco di Johns Hopkins Bloomberg della salute pubblica e dei co-dirigenti del programma di controllo e di prevenzione del cancro al centro del Cancro di Johns Hopkins Kimmel.

Platz ha avvertito forte, tuttavia, che non è possibile dallo studio dire che l'asma protegge gli uomini da carcinoma della prostata.

“Non sappiamo ancora se l'associazione che vediamo in questo studio d'osservazione è un caso di causa - e - effetto,„ dice.

L'analisi ha suggerito che gli uomini con asma avessero un più a basso rischio di sviluppare il carcinoma della prostata letale anche quando i ricercatori hanno considerato tali fattori come se gli uomini catturassero il farmaco per asma o se la loro asma è stata diagnosticata presto o più successivamente nella vita.

I ricercatori egualmente hanno analizzato i collegamenti fra una cronologia di raffreddore da fieno e un carcinoma della prostata letale, trovanti un più piccolo ma di fronte all'associazione: Gli uomini con raffreddore da fieno erano 10 - 12 per cento più probabili da avere carcinoma della prostata letale o interno.

Le 47.880 età 40 - 75 degli uomini partecipati allo studio di approfondimento dei professionisti del settore medico-sanitario di Harvard dal 1986 al 2012 e non hanno avute una diagnosi del cancro prima del 1986. I partecipanti di studio avevano compilato un questionario ogni due anni, riferenti sulle informazioni demografiche, sull'anamnesi, sull'uso del farmaco e sui fattori di stile di vita. Per gli uomini che hanno riferito una diagnosi del carcinoma della prostata, i ricercatori hanno valutato le loro cartelle sanitarie e rapporti di patologia. Fra loro, 9,2 per cento hanno riferito una diagnosi di asma, mentre 25,3 per cento erano stati diagnosticati con raffreddore da fieno. C'erano 798 casi letali confermati del carcinoma della prostata nel gruppo.

Platz e Charles Drake, M.D., Ph.D., co-direttore della clinica pluridisciplinare del carcinoma della prostata al centro del Cancro di Johns Hopkins Kimmel, hanno cominciato ad esaminare una connessione possibile fra asma e carcinoma della prostata basati su lavoro in mouse che indicano che le celle immuni che si infiltrano nei tumori della prostata producono una risposta immunitaria conosciuta come infiammazione Th2.

L'asma è considerata spesso come una malattia di infiammazione cronica, specialmente infiammazione Th2,„ Drake spiega. “Ed il cancro è pensato spesso a come mediato tramite infiammazione Th2. Così che cosa abbiamo preveduto era che gli asmatici avrebbero avuti un'più alta incidenza di carcinoma della prostata

Invece, la nuova analisi “ha mostrato l'esatto di fronte a, quel gli uomini con asma hanno avuti relativamente un più a basso rischio di carcinoma della prostata,„ Drake dice.

Alcuni altri studi hanno analizzato l'associazione fra asma ed il rischio di carcinoma della prostata, ma Platz dice che l'analisi di Johns Hopkins differisce nel suo più grande e nel suo fuoco sui casi letali del cancro.

“Egualmente abbiamo esaminato quando gli uomini hanno ottenuto la loro diagnosi del raffreddore da fieno o di asma in modo da potremmo essere più sicuri che non stavamo mancando una finestra pertinente del `' dell'esposizione che potrebbe influenzare il carcinoma della prostata,„ lei diciamo.

Drake dice che ci sono parecchie ragioni per le quali possibili l'asma non potrebbe essere collegata ad un elevato rischio di carcinoma della prostata letale.

“È possibile che l'infiammazione Th2 che determina l'asma non sia la stessa dell'infiammazione Th2 che determina il cancro,„ lui noti. Può anche essere che gli asmatici abbiano livelli elevati di altre celle immuni, quali gli eosinofilo o i mastociti, che potrebbero attaccare le celle del tumore.

La collaborazione fra Drake, un immunologo e Platz, un epidemiologo ed altri sul gruppo di ricerca continuerà come “andiamo nuovamente dentro il laboratorio e proviamo a caratterizzare la natura delle celle immuni presenti nella prostata,„ dice Platz. “Vogliamo vedere che cosa è circa un profilo immune particolare o un ambiente immune che potrebbero essere collegati con carcinoma della prostata, particolarmente carcinoma della prostata aggressivo.„

Altri scienziati che hanno contribuito allo studio includono Kathryn M. Wilson, Lorelei A. Mucci, Meir J. Stampfer, Walter C. Willett, il Jr. di Carlos A. Carmargo ed Edward Giovannucci del banco di Harvard University della salute pubblica; Siobhan Sutcliffe della scuola di medicina dell'università di Washington; e Stacey A. Kenfield dell'università di California, San Francisco.

Il finanziamento per lo studio è stato fornito dall'istituto nazionale contro il cancro (P01 CA55075, R01 CA133891, P30 CA006973, P50 CA58236) ed il cuore, il polmone e l'istituto nazionali di sangue (R01 HL35464).

Sul Web:

Giornale internazionale di Cancro: http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1002/ijc.29463/abstract

Source:

Johns Hopkins Medicine