Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

` Prima linea del axitinib fattibile' in RCC avanzato e metastatico

Da Shreeya Nanda, reporter senior dei medwireNews

Uno studio giapponese dell'unico istituzione suggerisce che il axitinib possa essere un'opzione prima linea fattibile per i pazienti con cancro del rene localmente avanzato o metastatico (RCC).

Il trattamento di Axitinib ha provocato “i risultati oncologici migliori„ ed ha avuto “un profilo di sicurezza accettabile„, dice i ricercatori in urologia di BMC.

Il gruppo ha esaminato le cartelle sanitarie per 18 pazienti con RCC localmente avanzato o metastatico che ha ricevuto il axitinib prima linea per una durata mediana di 10,8 mesi, cinque e nove pazienti hanno avuti una risposta parziale e una malattia stabile, rispettivamente, mentre quattro hanno progredito.

La sopravvivenza senza progressione mediana (PFS) era di 20,4 mesi per il gruppo globale di studio, non raggiunti per i pazienti con la malattia localmente avanzata e 20,4 mesi per quelle con la malattia metastatica.

La tariffa di un anno di PFS era 84,4% per la popolazione globale di studio e 55,6% e 100,0% per i sottogruppi localmente avanzati e metastatici, rispettivamente, sebbene la differenza fra i gruppi non fosse statisticamente significativa.

Il restringimento del tumore è stato osservato in tumori primari in 10 partecipanti e nella malattia metastatica in cinque pazienti, con i tumori che diminuiscono nella dimensione da una mediana di 20%, i rapporti del gruppo.

Il Proteinuria e l'ipertensione erano le tossicità del grado più comuni 3, osservate in 11,1% e in 5,6% dei pazienti, rispettivamente. E l'ipertensione era egualmente l'effetto secondario più frequente di tutto il grado, accadente in 38,9% dei pazienti globalmente.

Il ricercatore Chikara Ohyama, dalla scuola post-laurea dell'università di Hirosaki di medicina ed i colleghi concludono che “la terapia prima linea con axitinib può fornire un'opzione fattibile per il trattamento dei pazienti metastatici avanzati di RCC] [o di RCC„, aggiungenti che ulteriori prove sono autorizzate.

i medwireNews è un servizio di notizie medico indipendente fornito dalla sanità di Springer limitata. Sanità srl di Springer del ©; 2015

Licensed from medwireNews with permission from Springer Healthcare Ltd. ©Springer Healthcare Ltd. All rights reserved. Neither of these parties endorse or recommend any commercial products, services, or equipment.