Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I malati di cancro esofagei hanno trattato con gli effetti secondari meno tossici di esperienza di terapia del protone

La nuova ricerca dagli scienziati alla scuola di medicina dell'università del Maryland ha trovato che i malati di cancro esofagei hanno trattato con gli effetti secondari significativamente meno tossici sperimentati terapia del protone che i pazienti curati con le più vecchie radioterapie.

Lavorando con i colleghi alla clinica di Mayo a Rochester, il Minnesota ed il Cancro di Anderson di MD concentrano a Dallas, il Texas, Michael Chuong, il MD, un assistente universitario dell'oncologia di radiazione al banco, rispetto due generi di radiazione dei raggi x alla terapia del protone, un approccio innovatore e preciso quel mira ai tumori mentre minimizzano il danno ai tessuti circostanti.

I ricercatori hanno esaminato quasi 600 pazienti ed hanno trovato che la terapia del protone ha provocato un numero significativamente più basso degli effetti secondari, compreso la nausea, le anomalie di sangue e la perdita di appetito. I risultati sono stati presentati il 22 maggio alla conferenza annuale del gruppo cooperativo di terapia della particella, tenuta a San Diego.

“Questa prova sottolinea la precisione della terapia del protone e come può realmente fare una differenza nelle vite dei malati di cancro,„ ha detto il Dott. Chuong.

I pazienti con cancro esofageo possono soffrire un intervallo degli effetti secondari, compresi la nausea, fatica, mancanza di appetito, le anomalie di sangue e polmone e problemi del cuore. La terapia di Proton non ha fatto una differenza in tutto di questi effetti secondari, ma ha avuta effetti significativi su vari.

I risultati hanno pertinenza particolare per la scuola di medicina dell'università del Maryland; questa caduta il banco aprirà il centro del trattamento di Maryland Proton (MPTC). Il centro fornirà uno di più nuovi e moduli altamente precisi della radioterapia disponibili, scansione del raggio di matita (PBS), che mira ai tumori mentre significativamente fa diminuire le dosi di radiazioni al tessuto sano. Questa tecnica può radiazione precisamente diretta ai tumori più difficili da raggiungere.

La terapia di Proton è appena una di parecchi nuovi metodi per il trattamento del cancro. Altri includono:

  • La radioterapia interna selettiva, una modalità di precisione per la cura dei pazienti con specialmente difficile--elimina i tumori che comprendono il fegato come quelli dai cancri colorettali;
  • Gammapod, un nuovo, metodo di alta precisione e non invadente di cura del cancro al seno della fase iniziale;
  • Terapie termiche, l'uso “di calore„ nel trattamento della gamma vasta di malignità.

Il trattamento funziona bene per molti generi di tumori, compreso quelli trovati nel cervello, l'esofago, il polmone, la testa ed il collo, la prostata, il fegato, il midollo spinale ed il sistema gastrointestinale. È egualmente un'opzione importante per i bambini con cancro e si pensa che si trasformi in in un'opzione importante per alcuni tipi di cancri al seno. Mentre la maggior parte dei malati di cancro sono serviti bene con l'odierna tecnologia avanzata di radioterapia, fino a 30 per cento si pensano che abbiano un più notevole vantaggio dal nuovo modulo della terapia mirata a del raggio del protone.

Situato all'università del Maryland BioPark, i 110.000 piedi quadrati, centro $200 milioni si pensano che curino circa 2.000 pazienti all'anno.

Source:

University of Maryland School of Medicine