Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Le componenti del Tè verde possono contribuire ad impedire lo sviluppo del carcinoma della prostata in uomini a rischio

Il Carcinoma della prostata è il secondo tipo comune di cancro negli uomini ed è preveduto provocare 220,00 casi stimati negli Stati Uniti nel 2015. Negli ultimi anni, è stato messo in evidenza il chemoprevention - l'uso degli agenti impedire lo sviluppo o la progressione di carcinoma della prostata. Un gruppo dei ricercatori piombo da Nagi B. Kumar, il Ph.D., R.D., F.A.D.A. al Centro del Cancro di Moffitt recentemente ha pubblicato i risultati di una prova ripartita con scelta casuale che ha valutato la sicurezza e l'efficacia dei componente attivi in tè verde per impedire lo sviluppo del carcinoma della prostata negli uomini che hanno lesioni premaligne. I risultati saranno presentati alla Società di 2015 Americani della Riunione Annuale Clinica (ASCO) dell'Oncologia in Chicago.

Venti per cento di tè verde sono consumati in Paesi asiatici in cui i tassi di mortalità del carcinoma della prostata sono fra il più basso nel mondo ed il rischio di carcinoma della prostata sembra essere aumentato fra gli uomini Asiatici che abbandonano le loro abitudini dietetiche originali sopra la migrazione negli STATI UNITI.

Le ricerche di Laboratorio hanno indicato che le sostanze in tè verde chiamato, “catechine„ inibiscono la crescita, la motilità e l'invasione della cellula tumorale e stimolano la morte di cellula tumorale. Le catechine del Tè verde egualmente impediscono e diminuiscono la crescita del tumore nei modelli animali. Epigallocatechin-3-gallate (EGCG) è la catechina più abbondante e più potente trovata in tè verde responsabile di questi effetti di prevenzione del cancro.

Lo scopo di questa prova era di valutare se un intervento di un anno con le catechine del tè verde potesse sopprimere lo sviluppo del carcinoma della prostata negli uomini che hanno avuti la neoplasia intraepiteliale di prima scelta (HGPIN) o piccola proliferazione acinosa atipica (ASAP). I ricercatori hanno usato le capsule decaffeinate del tè verde chiamate Polyphenon E che ha contenuto una miscela delle catechine che hanno contenuto principalmente due volte al giorno EGCG ad una dose di 200 mgs.

I ricercatori hanno confrontato Polyphenon E in 49 uomini alle compresse del placebo in 48 uomini su un periodo del trattamento di 1 anno. In Generale, la differenza nel numero dei casi del carcinoma della prostata alla fine di 1 anno fra i due gruppi del trattamento non era statisticamente significativa. Tuttavia, negli uomini che hanno avuti soltanto HGPIN all'inizio della prova, hanno osservato che una tariffa combinata più bassa di APPENA POSSIBILE e lo sviluppo del carcinoma della prostata con Polyophenon E. APPENA POSSIBILE è un'entità che riflette un vasto gruppo di lesioni nella prostata con i cambiamenti insufficienti nelle celle definitivo da diagnosticare come carcinoma della prostata. Ulteriormente, gli uomini su Polyphenon E hanno avuti una diminuzione significativa nei livelli prostata-specifici (PSA) dell'antigene. Lo PSA è un biomarcatore che congiuntamente ad altri fattori di rischio è usato per schermare i pazienti per carcinoma della prostata e gli alti livelli significano un elevato rischio di carcinoma della prostata.

I ricercatori di Moffitt hanno osservato un importante crescita nei livelli di EGCG nel plasma sanguigno degli uomini su Polyphenon E e le capsule a questa dose sono state tollerate in questo gruppo di uomini.

Sorgente: H. Centro del Cancro di Lee Moffitt & Istituto Di Ricerca