Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Scienze biologiche di Caris: Lo studio identifica il vantaggio della terapia mirata a nel CRC con alta instabilità del microsatellite

Caris vita Sciences®, una società di biotecnologia principale messa a fuoco sul compimento della promessa della medicina di precisione, oggi ha annunciato i risultati di uno studio che identifica il vantaggio clinico della terapia mirata a nel cancro colorettale (CRC) con alta instabilità del microsatellite (MSI-H), una predisposizione che si presenta in 15% di tutti i CRCs che causano la prognosi e la risposta significativamente differenti al trattamento. Questi dati, oltre all'altra eziologia studiano da in cervicale indotto HPV, orofaringeo ed i carcinoma anali, il cancro di vescica ed il melanoma mucoso stanno presentandi alla riunione annuale 2015 della società americana dell'oncologia clinica in Chicago, Ill.

I ricercatori hanno utilizzato Caris Intelligence® molecolare, il tumore completo panomic della società che profila il servizio, per studiare dal punto di vista terapeutico i biomarcatori importanti in 64 MSI-H, instabilità bassa del microsatellite 9 (MSI-L) e 558 campioni della stalla del microsatellite (MSS). Il CRC che video un ad alto livello di instabilità del microsatellite è dovuto qualsiasi predisposizione ereditaria (sindrome di Lynch [LS]) o il hypermethylation somatico di MLH1, che causano la resistenza alle opzioni standard del trattamento.

“La ricerca nell'eziologia è particolarmente importante per i sottotipi anormali di cancro in cui le caratteristiche molecolari uniche del tumore possono svolgere un ruolo critico nella determinazione della probabilità statistica dei vantaggi del trattamento,„ ha detto Zoran Gatalica, M.D., DSc, autore principale dello studio e Direttore medico esecutivo alle scienze biologiche di Caris. “Questo studio ha permesso che noi identificassimo le funzionalità comuni a tutto il CRC MSI alto e specifiche ad acquisizione somatica di MSI CRC, che sono comprensioni critiche a personalizzare il trattamento.„

Facendo uso di intelligenza molecolare di Caris (#3597 astratto), i ricercatori hanno osservato un'espressione significativamente più alta della sintasi del thymidylate (TS), dell'espressione di PTEN e di più alte tariffe di mutazione di BRAF, CTNNB1, HNF1A, BRCA1 e BRCA2, in MSI-H confrontato ai tumori non-MSI-h. I cancri di MSI-H egualmente si sono infiltrati in più spesso con i linfociti di PD-1+. Le funzionalità hanno trovato che specifico ai tumori sporadici di MSI-H (definiti come MSI-H e BRAF V600E) in confronto ai tumori non-MSI-h ha compreso le più alte tariffe di mutazione sui geni selezionati all'interno della via di PI3K/AKT/mTOR. Dei tumori di MSI-H analizzati, 20 erano casi confermati di sindrome di Lynch, 100% di cui ha esibito l'espressione degli ST. I casi di LS egualmente hanno osservato un'più alta espressione delle mutazioni di HNF1A e di CTNNB1. I casi di LS hanno osservato una tariffa più bassa di mutazione di PTEN in paragone ai tumori sporadici di MSI-H.

“I risultati di studio indicano che l'espressione degli ST è una caratteristica di entrambi i MSI-H sporadici e tumori di Lynch, potenzialmente spieganti il vantaggio clinico diminuito osservato da fluorouracil (5-FU),„ hanno detto Wafik S. EL-Deiry, M.D., autore dello studio e vice direttore al centro in Filadelfia, PA del Cancro dell'inseguimento di Fox. “Più alto PD-1 + FINO, le mutazioni BRCA1/2 e CTNNB1 suggeriscono gli inibitori mirati a di WNT e di PARP a via, ad immunoterapia come più opzioni di promessa di trattamento per i pazienti con MSI-H CRC.„

In un secondo studio dell'eziologia ha intitolato “i biomarcatori di Theranostic in questione in immunomodulation e la via di trasduzione del segnale di PI3KCA dal nel carcinoma cervicale, orofaringeo ed anale indotto HPV„ (#11107 astratto), ricercatori ha utilizzato l'intelligenza molecolare di Caris confrontare i biomarcatori theranostic in questione in immunomodulation e nella via di trasduzione del segnale di PI3KCA nei cancri causati dal papillomavirus umano (HPV), compreso i carcinoma di cellule squamose della cervice (CSCC), del canale anale (ASCC) e dell'orofaringe (OSCC). In 201 tumore di ASCC, 321 tumore di CSC e 358 tumori di OSCC, ricercatori hanno rivelato che da carcinogenesi indotta HPV rende un fenotipo più omogeneo rispetto a molti altri tumori solidi ad instabilità genomica. Questi dati supportano il lavoro precedente che identifica la via di PIK3CA-AKT-mTOR come obiettivo potenziale e dimostrano la necessità di esplorare l'inibizione PD1/PDL1 in questi cancri dati il fenomeno osservato di dipendenza dell'oncogene di HPV E6 & di E7-induced che segue l'integrazione virale.

“In una caratterizzazione molecolare nominata terzo studio del cancro di vescica in fumatori contro i non-fumatori„ (#4528 astratto), i ricercatori hanno profilato 676 campioni consecutivi del cancro (BC) di vescica facendo uso di intelligenza molecolare di Caris valutare la correlazione fra stato di fumo (fumatori contro i non-fumatori) e le alterazioni genetiche specifiche dentro BC. La differenza nella biologia molecolare fra i fumatori ed i non-fumatori osservati con BC suggerisce un'oncogenesi differente con le opzioni potenzialmente differenti del trattamento. L'incidenza aumentata delle mutazioni di PIK3CA in non-fumatori con BC può informare BC le opzioni terapeutiche in questo gruppo ristretto di pazienti con cronologia non fumatori. I risultati autorizzano BC ulteriore verifica in un più grande gruppo di pazienti in uno studio clinico futuro.

Quarto in un'analisi di biomarcatore di Multiplatform nominata dell'eziologia studio “del melanoma mucoso non Sun esposto„ (#9042 astratto), i ricercatori hanno analizzato 93 non Sun hanno esposto gli esemplari mucosi del melanoma, una malignità rara che è notoriamente resistente alla chemioterapia convenzionale con poche opzioni del trattamento. Utilizzando l'intelligenza molecolare di Caris, i ricercatori hanno identificato un tasso alto di co-espressione PD-1 e PD-L1, suggerente che le nuove immunoterapie dovrebbero essere considerate forte nelle fasi avanzate di questa malattia.

Source:

Caris Life Sciences