Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

il Nepal Terremoto-Devastato affronta “molto su„ il rischio di scoppio di epatite E

Durante la stagione dei monsoni venente, superstiti del terremoto recente che le zone distrutte del Nepal affrontano “molto su„ un rischio di scoppio di epatite E che potrebbe essere particolarmente micidiale alle donne incinte, secondo un'istruzione di consenso da un gruppo di esperti nella malattia infettiva intorno al mondo.

Il documento, pubblicato nella Lancetta 16 giugno e firmato dal Banco di Johns Hopkins Bloomberg di Alain Labrique e sei altri della Sanità Pubblica, Specifica che i termini nel tremito di Aprile che 8,800 persone uccise e danneggiato più di 23.000 hanno lasciato i termini maturi per il virus di epatite E (HEV), che soprattutto è sparso dalle feci per dire via acqua contaminata. I ricercatori dicono che 500 donne incinte potrebbero morire dal virus nei prossimi mesi e molto potrebbero essere nauseati.

“le aree Terremoto-Commoventi sono affrontate “ad una tempesta perfetta„ dei fattori di rischio: le grandi popolazioni spostate con ad accesso limitato ad acqua potabile pulita, la mancanza di impianti sanitari, il monsone d'avvicinamento, l'infrastruttura sovraccaricata di sanità, un gran numero di HEV di circolazione e una popolazione a rischio che principalmente manca degli anticorpi protettivi,„ i ricercatori scrivono.

Ci sono annualmente 20 milione infezioni stimate di epatite una E nel mondo. Mentre il virus può piombo all'affezione epatica, principalmente esegue il suo corso con poche complicazioni a lungo termine. Eppure le donne incinte hanno un tasso di mortalità di 25 per cento una volta infettate dal virus.

C'è un sicuro e l'efficace vaccino disponibile, i ricercatori dice, ma corrente è conceduto una licenza a soltanto per uso in Cina. L'Organizzazione mondiale della sanità non ha raccomandato il suo uso sistematico perché c'è un'esigenza dei dati supplementari di efficacia e della sicurezza, specialmente in donne incinte. Egualmente hanno detto, tuttavia, che il suo uso dovrebbe “essere considerato„ negli scoppi come questo. I ricercatori stimano che più di 400 donne incinte potrebbero essere salvate se il vaccino fosse utilizzato nel Nepal durante la stagione dei monsoni, che funziona da luglio a settembre.

Il gruppo raccomanda che i servizi sanitari Nepalesi attivamente funzionino per identificare i casi della malattia dove le donne incinte stanno curande; che il Ministero Della Sanità Nepalese dovrebbe iniziare una richiesta per il vaccino e costruire una riserva; e sviluppi le strategie mirate a di distribuzione per l'uso del vaccino, in base all'identificazione delle popolazioni ad alto rischio ed alla capacità organizzativa disponibile per l'implementazione sicura ed al video dei risultati.

“L'Epatite E è un virus trascurato che non è capita buona ma ora stiamo vedendo che è probabile una causa delle morti ostetriche importante in paesi in cui è comune,„ dice Labrique, il PhD, un professore associato nei ministeri del Banco di Bloomberg della sanità internazionale e l'epidemiologia. “Siamo costretti a sostenere per le misure che diminuiscono il rischio di mortalità evitabile.„

Sorgente: Banco di Johns Hopkins Bloomberg della Salute pubblica