Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori usano l'esplorazione delle tecniche della cellula staminale per capire meglio le cause di atrofia muscolare spinale

La nuova ricerca dal laboratorio avanzato di terapia cellulare e del gene a Holloway reale, università di Londra ha usato l'esplorazione delle tecniche della cellula staminale per capire meglio perché le celle sicure sono più a rischio della degenerazione nell'atrofia muscolare spinale che altre.

L'atrofia muscolare spinale è una malattia ereditaria devastante ed è il più grande uccisore genetico nell'infanzia.

Il Dott. Rafael Yáñez ed il suo gruppo dal banco delle scienze biologiche usate ha incitato le cellule staminali di Pluripotent (iPSCs) che sono create curando le celle da una biopsia dell'interfaccia, un follicolo pilifero - o quasi tutto l'organismo si separa i prodotti chimici ed i geni in laboratorio. I iPSCs poi “sono stati riprogrammati„ e sono stati costretti nella formazione dei motoneuroni, le celle dal midollo spinale che gestiscono il movimento e la respirazione.

I ricercatori hanno trovato che nella fase di differenziazione (quando le celle cambiano dal gambo alla loro forma definitiva) due proteine chiave cambiano in un modo significativo in motoneuroni, in grado di spiegare perché queste celle sono più suscettibili di degenerazione nell'atrofia muscolare spinale.

I risultati possono ora essere utilizzati per verificare le terapie nelle cellule staminali e nei motoneuroni pluripotent incitati.

Il Dott. Rafael Yáñez ha detto che “abbiamo osservato una riduzione progressiva delle proteine SMN e PLS3 durante la differenziazione delle cellule staminali pluripotent incitate ai motoneuroni, simile ad alcuni rapporti di animali e ad alcuni dati discutibili dallo sviluppo umano. Questi cambiamenti possono sostenere la predisposizione dei motoneuroni ad atrofia muscolare spinale. Ora studieremo più d'importanza la ragione per i cambiamenti e, progrediamo la nostra ricerca per le terapie innovarici che catturano questi i cambiamenti della proteina in considerazione. La ricerca egualmente mostra come stiamo provando a diminuire il ricorso agli esperimenti sugli animali ove possibile, poichè queste cellule staminali ora concedono la produzione delle cellule umane che non possono essere ottenute direttamente dai pazienti e possiamo studiare le celle nei piatti del laboratorio.„

La ricerca è stata pubblicata nei rapporti scientifici.

Source:

Royal Holloway, University of London