Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'enzima LSD1 spegne i geni stati necessari per mantenere i beni della cellula staminale del cancro in glioblastoma

La capacità del Cancro di svilupparsi incontrollata è attribuita spesso alle cellule staminali del cancro, una piccola frazione di cellule tumorali che hanno la capacità di svilupparsi indefinitamente e moltiplicarsi. Come le cellule staminali di cancro conservano questi beni mentre la massa delle celle di un tumore non fa rimane in gran parte sconosciuto. Facendo Uso dei campioni del tumore e dei modelli umani del mouse, i ricercatori all'Università di California, Centro della Scuola di Medicina di San Diego e del Cancro di Moores hanno scoperto che i beni della cellula staminale del cancro sono determinati dai cambiamenti epigenetici -- uso chimico delle cellule di modifiche gestire quali geni sono girati inserita/disinserita.

Lo studio, pubblicato questa settimana negli Atti dell'Accademia Nazionale delle Scienze, riferisce che un enzima conosciuto come Demethylase 1 Lisina-Specifico (LSD1) spegne i geni richiesti di mantenere i beni della cellula staminale del cancro in glioblastoma, un modulo altamente aggressivo di tumore al cervello. Le guide epigenetiche di Questa attività spiegano come il glioblastoma può resistere al trattamento. Che Cosa è più, le droghe che modificano livelli LSD1 potrebbero fornire un nuovo approccio a trattare il glioblastoma.

I ricercatori in primo luogo hanno notato che le celle geneticamente identiche di glioblastoma isolate dai pazienti hanno differito nella loro carcinogenicità, o capacità di formare i tumori, una volta trapiantati ai modelli del mouse. Questa osservazione ha suggerito quel epigenetics, piuttosto che la genetica (sequenza del DNA), determina la carcinogenicità in cellule staminali del cancro di glioblastoma.

“Uno dei risultati più notevoli nel nostro studio è che c'è dinamico e transizioni reversibili fra gli stati cancerogeni e non cancerogeni in glioblastoma che sono determinati dal regolamento epigenetico,„ ha detto Clark Chen autore, MD, PhD, professore associato di neurochirurgia e vicepresidente senior della ricerca e dello sviluppo accademico alla Scuola di Medicina di Uc San Diego.

Sondando più ulteriormente, il gruppo di Chen ha scoperto che il fattore epigenetico che determina indipendentemente da fatto che le celle di glioblastoma possono proliferare indefinitamente poichè le cellule staminali di cancro è la loro abbondanza relativa di LSD1. LSD1 rimuove i tag chimici conosciuti come i gruppi metilici da DNA, spegnente una serie di geni richiesti per i beni di mantenimento della cellula staminale del cancro, compreso MYC, SOX2, OLIG2 e POU3F2.

“Questa plasticità rappresenta un meccanismo da cui il glioblastoma sviluppa la resistenza alla terapia,„ Chen ha detto. “Per esempio, i glioblastomas possono sfuggire agli effetti di uccisione di una droga che mira a MYC semplicemente chiudendolo fuori epigenetico ed accendendolo dopo che la droga non è più presente. Infine, le strategie che indirizzano questa interazione dinamica saranno necessarie per l'efficace terapia di glioblastoma.„

Chen ed uno dei primi autori dello studio, Jie Li, PhD, notano che i cambiamenti epigenetici che guidano il glioblastoma sono simili a quelli che hanno luogo durante lo sviluppo umano normale.

“Comunque la maggior parte delle celle nei nostri organismi contengono le sequenze identiche del DNA, i cambiamenti epigenetici contribuiscono a rendere una cella di fegato differente da una cellula cerebrale,„ ha detto Li, uno scienziato di aiuto del progetto nel laboratorio di Chen. “I Nostri risultati indicano che gli stessi trattamenti di programmazione determinano se una cellula tumorale può svilupparsi indefinitamente o non.„

Sorgente: Università di California - San Diego