Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Gli scienziati sviluppano la molecola mimica di esercizio che potrebbe contribuire a trattare il diabete di tipo 2 e l'obesità

Assistenza tecnica e scienze fisiche consiglio della ricerca, ricerca sul cancro Regno Unito, Consiglio di ricerca medica, diabete Regno Unito

Gli scienziati dall'università di Southampton hanno sviluppato una molecola che funge da mimo di esercizio, in grado di potenzialmente contribuire a trattare il diabete di tipo 2 e l'obesità.

La nuova molecola, chiamata “composto 14", inibisce la funzione di un enzima cellulare chiamato ATIC, che è compreso nel metabolismo, piombo all'accumulazione di una molecola chiamata ZMP in celle. Questo aumento in ZMP incita le celle a pensare che abbiano esaurito l'energia attivando il sensore centrale dell'energia delle cellule, conosciuto come AMPK, quindi inducendo le celle a provare ed aumentare i loro livelli energetici aumentando l'assorbimento ed il metabolismo del glucosio.

Pubblicando nella chimica e nella biologia del giornale, i ricercatori hanno trovato quello AMPK d'attivazione con il composto 14 piombo ad una riduzione dei livelli della glicemia a digiuno, della tolleranza migliore del glucosio e, allo stesso tempo, della perdita di peso promossa in mouse obesi.

Ali Tavassoli, professore di biologia chimica all'università di Southampton di cui il gruppo di ricerca ha scoperto e sviluppato il composto 14, dice: “C'è molta prova dagli studi precedenti che se poteste attivare selettivamente AMPK con una piccola molecola, potrebbe avere vantaggi potenziali nel trattamento di parecchie malattie, compreso il diabete di tipo 2, fungendo da esercizio mimetico ed aumentando l'assorbimento e l'uso di glucosio e di ossigeno dalle celle. La nostra molecola, che attiva AMPK alterando il metabolismo cellulare, quindi tiene molta promessa come agente terapeutico potenziale.„

Nei primi esami incoraggianti, la molecola è stata data a due gruppi di mouse che sono stati alimentati una dieta normale o una dieta ad alta percentuale di grassi che le rende obese e che altera la loro tolleranza del glucosio (uno dei segni clinici di pre-diabete). Quando i mouse con una dieta normale sono stati trattati con il composto 14, il loro glucosio di sangue livella ed il peso è rimanere normale. Tuttavia, in mouse obesi sulla dieta ad alta percentuale di grassi un d'una sola dose del composto 14 ha provocato l'abbassamento del loro glucosio di sangue elevato vicino ai livelli quasi normali. Ancora, una dose quotidiana del composto 14 amministrato per i sette giorni ai mouse obesi ha provocato la tolleranza migliore del glucosio e 1,5 grammi di perdita di peso (circa cinque per cento del peso corporeo). Il composto 14 non ha pregiudicato il peso di quei mouse sulla dieta normale.

Il Dott. Felino Cagampang, professore associato in fisiologia integrante all'università di Southampton ed al co-author di studio, aggiunge: “I trattamenti correnti per il diabete di tipo 2 concentra sull'elevamento dei livelli di circolazione dell'insulina o sul miglioramento della sensibilità dell'insulina di una persona. L'emissione è che le droghe stabilite non permettono con successo ai pazienti con il diabete di tipo 2 di raggiungere il controllo glycaemic ed alcune possano anche provocare l'obesità, un fattore principale che determina l'epidemia del diabete. Al contrario, questa nuova molecola sembra diminuire i livelli del glucosio ed allo stesso tempo fare diminuire il peso corporeo, ma soltanto se l'oggetto è obeso.„

Il punto seguente per i ricercatori è di sviluppare la molecola più ulteriormente per esaminare l'effetto del trattamento a lungo termine ed il suo modo di atto nel miglioramento della tolleranza del glucosio e nella diminuzione del peso corporeo. Se trovato per essere sicura, una droga ha potuto essere sviluppata per aiutare quelli con il diabete e l'obesità a gestire il loro stato.

Source:

University of Southampton