I Ricercatori sviluppano al il modello basato a prova che può predire la quantità di nicotina rilasciata dalla e-sigaretta

Il Cancro che di Massey di Virginia Commonwealth University ricercatori del Centro al Centro di VCU per lo Studio sui Prodotti del Tabacco (CSTP) ha sviluppato al il modello mai visto e basato a prova che può predire con fino a 90 per cento di accuratezza la quantità di nicotina ha emesso da una sigaretta elettronica (e-sigaretta). Lo studio è stato pubblicato nella Ricerca del Nicotina e del Tabacco del giornale.

I ricercatori, lavoranti in collaborazione con i ricercatori all'American University di Beirut, hanno raccolto i dati circa la tensione ed altre caratteristiche di varie unità della e-sigaretta, la concentrazione del nicotina liquido che potrebbe essere messo nelle unità e la durata che un utente potrebbe inalare dall'unità in un soffio. Il gruppo poi ha sviluppato un modello matematico per determinare quanto nicotina è stato emesso dalle unità come la tensione dell'unità e la concentrazione liquida nel nicotina è stata aumentata e la durata del soffio dell'utente era estesa. Il modello ha predetto che le più alte unità della e-sigaretta di tensione accoppiate con i liquidi del nicotina di alta concentrazione potrebbero emettere i maggiori livelli della sostanza inducente al vizio che quelli di una sigaretta tradizionale del tabacco, secondo la durata del soffio dell'utente.

“I risultati del Laboratorio hanno indicato che rendimenti del nicotina da 15 soffi su una e-sigaretta diversa entro più di 50 volte attraverso la varia unità, stati di comportamento dell'utente e del liquido,„ ha detto il membro Thomas Eissenberg, il Ph.D., Direttore del CSTP, membro del gruppo di ricerca di programma di ricerca di Controllo e di Prevenzione del Cancro a Massey ed al professor nell'Instituto di Psicologia all'Istituto Universitario di VCU degli Studi Umanistici e delle Scienze.

Negli studi clinici successivi intrapresi a VCU, i ricercatori egualmente hanno osservato che gli utenti con esperienza della e-sigaretta erano più probabili catturare i soffi più lunghi che gli utenti principianti, con conseguente livelli elevati di nicotina che è consegnato alla loro circolazione sanguigna.

Secondo Eissenberg, questi risultati indicano che quello senza regolamento federale su questi utenti delle unità potrebbe diventare più dipendente a nicotina da uso della e-sigaretta che dal fumo della sigaretta combustibile convenzionale.

“Quando usato come previsto, una sigaretta elettronica non dovrebbe produrre un rendimento del nicotina al di sopra di quello di una sigaretta combustibile, un'unità che già conosciamo ha effetti sulla salute letali. Se fa, quindi essenzialmente stiamo rendendo un delivery system già inducente al vizio della droga ancor più inducente al vizio,„ ha detto Eissenberg.

L'uso del Tabacco rimane la causa principale dell'incidenza evitabile del cancro negli Stati Uniti, con il presupposto generale che le e-sigarette sono un'alternativa “più sicura„ come metodo della consegna del nicotina. Ciò potrebbe essere vera, Eissenberg ha specificato, finchè l'unità della e-sigaretta ed il suo liquido non sono progettati in un modo che avrebbe consegnato gli eccessivi livelli della sostanza inducente al vizio o di altri prodotti chimici pericolosi all'utente. Tuttavia, le restrizioni che dettano la progettazione più sicura possono accadere soltanto con il regolamento federale poiché i rivelatori del prodotto non possono essere inclinati auto-per imporre tali regolamenti.

Con questo modello matematico del nicotina novello, i ricercatori ora potranno predire con moltissima accuratezza quanto nicotina sarà consegnato ad un utente della e-sigaretta prima che un'unità anche sia progettata. Queste previsioni più ulteriormente permetteranno ai ricercatori come Eissenberg ed i suoi colleghi per informare i regolatori federali circa alle le raccomandazioni basate a prova sulla e-sigaretta progettano le restrizioni che potrebbero potenzialmente evitare un disastro serio di salute pubblica mentre più gente si gira verso le e-sigarette come metodo alternativo della consegna del nicotina.

Questo modello egualmente imposta la struttura per un test clinico che si è aperto appena al VCU CSTP come pure al Centro del Tabacco di Penn State di Scienza Regolatrice in Hershey, PA., che esaminerà i prodotti del tabacco novelli, compreso le e-sigarette, sugli indicatori di salubrità e sul comportamento del tabagismo nella gente che corrente sta fumando le sigarette del tabacco e che è interessata nella diminuzione del loro uso della sigaretta.

Sorgente: Virginia Commonwealth University