Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I bambini aumentano rischio dei genitori' per l'infezione virale

Il GRANDE studio di amore (migliore identificazione dell'Utah di epidemiologia virale Germe-Longitudinale), piombo dagli scienziati all'università di scuola di medicina di Utah, trova che ogni gruppo della gioia mette l'intera famiglia al rischio aumentato per l'infezione con i virus che causano i freddo, l'influenza ed altre malattie respiratorie.

La gente che vive nelle famiglie senza figli è stata infettata in media con i virus - 4 settimane durante l'anno. Nelle famiglie con un bambino, quel numero saltato a 18 settimane e per quelli con sei bambini, là era virus nella famiglia per fino a 45 settimane dall'anno.

Eppure soltanto la metà di coloro che ha verificato il positivo ad infezione virale egualmente ha avuta in media sintomi tipici della tosse, febbre e radiatore anteriore soffocante, un'individuazione informativa per entrambe le famiglie ed i loro fornitori di cure mediche. I risultati sono stati pubblicati nel giornale, malattie infettive cliniche.

Case del materiale di riempimento dei capretti con la malattia

Quando si tratta della spiegazione perché le famiglie grandi hanno più malattie, tutto il punto dei segni ai ragazzini come i colpevoli. I bimbetti più giovani di cinque hanno fatti almeno un individuare virus in loro muco nasale per 50 per cento dell'anno: due volte più spesso i bambini e degli adulti più anziani. Ed una volta infettati, erano 1,5 volte più probabili da avere sintomi, compreso quei severi come ansare e febbre.

Aggiungendo ancor più lo sforzo ad una famiglia, i ragazzini non hanno sofferto da solo. I loro genitori erano più frequentemente 1,5 volte malate degli adulti similmente invecchiati che non hanno vissuto con i ragazzini.

“Molto le famiglie passano attraverso l'onda dopo l'onda della malattia. Infatti, alcuni dei capretti che abbiamo riflesso hanno avuti sintomi per 20 - 25 settimane in una riga,„ dice co-primo Carrie Byington autore, M.D., professore di pediatria e co-direttore del centro dell'Utah per scienza clinica e di traduzione. “Questo studio ci aiuta a capire che cosa è normale in bambini piccoli e può aiutarci a determinare quando la malattia dovrebbe essere una fonte di preoccupazioni.„

Non è segreto che i bambini si ammalino molto. Ma il GRANDE amore - un'indagine di un anno di una comunità dell'Utah - è uno del primo per usare i sistemi diagnostici moderni per tenere la carreggiata ogni quanto tempo i capretti ed altri membri della famiglia, sia malato che bene, hanno infezioni nasali del virus respiratorio. Gli studi futuri determineranno se le tendenze riferite sostengono in più grandi e diverse popolazioni.

Una prova positiva non può significare positivamente malato

Forse l'individuazione più sorprendente era ogni quanto tempo virus portato partecipanti e non indicato segni di essere malata.

a sistemi diagnostici basati a PCR, come quelli usati per provare i campioni dei partecipanti in questo studio, stanno diventando sempre più comuni nelle impostazioni cliniche perché sono molto più sensibili ed accurati che le più vecchie prove e per fornire i risultati nelle ore, non i giorni. Eppure questi risultati suggeriscono che alcuni risultati dei test dovrebbero essere interpretati con prudenza.

Mentre i partecipanti di studio infettati con influenza ed i virus parainfluenzali erano malati per lo più, coloro che ha portato il rhinovirus - la causa del raffreddore - erano soltanto metà malata del tempo.

Che cosa è più, i risultati indicano che anche dopo che un paziente recupera da una malattia, alcuni virus persistono in seguito per le settimane. Bocavirus ha persistito nel radiatore anteriore per finchè 12 settimane, ma i virus hanno persistito più comunemente per due settimane o più di meno. In un commento accompagnante egualmente ha pubblicato nelle malattie infettive cliniche, Gregory A. Storch, M.D., della scuola di medicina dell'università di Washington a St. Louis, ha notato che la ricerca “fornisce altamente le informazioni utili,„ particolarmente riguardo a quanto tempo a prove basate a PCR sono rimanere positive durante l'ogni episodio virale.

Se la presenza di virus non traduce sempre in malattia, quindi sta per ragione per cui anche se qualcuno è malato e verifica il positivo a virus specifico, ci potrebbe essere un'altra causa. Per esempio batteri, o un virus raro non individuato dalla prova. I fornitori di cure mediche dovrebbero essere informati di queste limitazioni.

“Se un bambino entra in pronto soccorso con la malattia severa e le prove respiratorie positive per il rhinovirus, potrebbe essere un'idea astuta affinchè medici si assicuri che non stiano mancando il qualcos'altro che potrebbe essere la causa,„ dicessero il co-primi autore e professore della pediatria Krow Ampofo, M.B., Ch.B.

Come la malattia è stata studiata

Il GRANDE amore era un progetto per studiare come i virus sono trasmessi in famiglie. Riflettendo una comunità nell'Utah, lo stato con il più grande numero dei bambini per famiglia, conceduto i ricercatori per tenere la carreggiata le differenze fra le grandi e piccole famiglie.

I ricercatori hanno riflesso 26 famiglie composte collettivamente di 108 persone (tre nascevano nel corso dello studio) per un anno. Ogni famiglia ha raccolto i tamponi nasali dai membri della famiglia una volta alla settimana ed ha documentato quando hanno avuti sintomi tipici del freddo e dell'influenza. Ad una prova basata a PCR, il FilmArray tramite i sistemi diagnostici di BioFire, tamponi sondati per 16 virus respiratori differenti, compreso influenza, il rhinovirus ed il virus respiratorio sinciziale (RSV). 4166 campioni sono stati analizzati in tutto. Gli studi futuri esamineranno le tendenze relative alle più grandi comunità e quelle in altre regioni geografiche e delle origini etniche differenti.

Source:

University of Utah School of Medicine