Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Pharmaxis, partner di Synairgen per sviluppare inibitore LOXL2 per trattare fibrosi polmonare idiopatica

Pharmaxis australiano srl (ASX della ditta farmaceutica: PXS) e plc BRITANNICO di Synairgen della società di biotecnologia (LSE: Lo SNG) oggi ha annunciato che hanno preso parte ad una collaborazione della ricerca per sviluppare un inibitore selettivo al tipo lisil dell'ossidasi - 2 enzima (LOXL2) per trattare la fibrosi polmonare idiopatica interna di affezione polmonare (IPF).

Influenze di IPF nella regione di 100,000 persone negli Stati Uniti. I prodotti correnti si pensano che producano i redditi globali al di sopra di $1,1 miliardo da ora al 2017. L'enzima LOXL2 sta mirando a perché è conosciuto per promuovere il tessuto della cicatrice che indurisce ed irreparabile danneggia i polmoni dei pazienti di IPF. È sperato che l'inibizione di LOXL2 rallenti l'accumulazione del tessuto della cicatrice e migliori i tassi di sopravvivenza che sono peggiori di per molti cancri.

Il programma dell'inibitore LOXL2 viene dalla stessa piattaforma di chimica di Pharmaxis dell'inibitore di SSAO che recentemente si è acquistato da Boehringer Ingelheim. Ai sensi dell'accordo Synairgen costituirà un fondo per ulteriore attività del programma a Pharmaxis, utilizzerà il sui BioBank e piattaforma in vitro del modello del polmone e collaborerà con il gruppo di ricerca di IPF all'università di Southampton per completare lo sviluppo clinico preclinico ed iniziale. Il programma di IPF sarà gestito da un comitato di coordinamento unito da parte a parte alla conclusione dei test clinici di fase 1 o di fase 2a, quando la collaborazione cercherà un partner della licenza. Pharmaxis e Synairgen divideranno tutti i redditi di autorizzazione conformemente al rapporto di totale investimenti dalle due società a quel tempo. L'azione dei redditi di autorizzazione si pensa che sia approssimativamente uguale per un composto conceduta una licenza a per IPF dopo lo sviluppo clinico iniziale. Pharmaxis continuerà a sviluppare i composti fuori della collaborazione per altre indicazioni dove gli inibitori LOXL2 hanno indicato il potenziale quale fibrosi del rene e del fegato e cancro metastatico. L'accordo tuttavia tiene conto gli scenari in cui la collaborazione concede una licenza al suo programma per le indicazioni multiple.

Il CEO il sig. Gary "phillips" di Pharmaxis ha detto, “abbiamo continuato a realizzare i buoni progressi nel nostro programma preclinico dell'inibitore del SALMONE AFFUMICATO ed in particolare sui piccoli inibitori della molecola LOXL2 alle varie malattie dell'ossequio dove la fibrosi è un problema principale. L'interesse significativo fra i clinici principali e le ditte farmaceutiche nel ruolo di LOXL2 in una serie di malattie differenti ha evidenziato la necessità noi di collaborare per le indicazioni selezionate per completamente sfruttare il valore potenziale della nostra proprietà intellettuale. Synairgen ha un'eccellenza dimostrata nello sviluppo respiratorio della droga, concedente una licenza con successo al suo IFN-beta programma inalato di fase 2 a AstraZeneca. Crediamo che la nostra collaborazione con Synairgen acceleri lo sviluppo una volta al giorno di un trattamento orale altamente non Xerox per i pazienti con IPF e permetta a Pharmaxis di sviluppare gli inibitori LOXL2 per altre indicazioni potenziali quali fibrosi del rene e del fegato e cancro.„

Il CEO Richard Marsden di Synairgen ha detto, “noi è deliziato collaborare con Pharmaxis nella fibrosi polmonare idiopatica, in un'affezione polmonare severa ed interna. Pharmaxis ha una competenza provata nella scoperta e nello sviluppo delle molecole novelle, rendentegi un partner ideale. LOXL2 è un obiettivo che è di interesse non solo ai nostri esperti clinici in IPF a Southampton ma anche alle grandi ditte farmaceutiche; nel 2011 Gilead Sciences ha acquistato le scienze biologiche di Arresto per $225 milioni per la sua fase I LOXL2 che mira al simtuzumab dell'anticorpo e corrente sta conducendo una grande prova di efficacia in IPF.

“Facendo uso delle risorse finanziarie attuali dal nostro raccoglierci fondi nel 2014, applicheremo la nostra piattaforma del BioBank dei modelli umani avanzati del tessuto e la comprensione della biologia respiratoria per sviluppare l'inibitore LOXL2. Aspettiamo con impazienza di lavorare molto attentamente con Pharmaxis ed i academics della classe del mondo all'università di Southampton per progredire questa opportunità nella clinica in pazienti con IPF.„

Source:

Pharmaxis Ltd