Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Medicaid potrebbe salvare miliardi mentre i brevetti per parecchi farmaci antipsicotici del successone espirano

Medicaid si pensa che salvi miliardi di dollari l'annualmente mentre i brevetti per parecchi farmaci antipsicotici del successone espirano ed uso delle versioni generiche di questi aumenti delle droghe, secondo un nuovo studio dai ricercatori alla scuola di medicina dell'università del Maryland. Questo risparmio può fornire il sollievo dagli alti costi di questi farmaci e permettere che i responsabili della politica sollevino le restrizioni sull'accesso dei pazienti, i ricercatori discutono.

Lo studio ha preveduto che i pagamenti annuali di Medicaid per le medicine antipsicotiche diminuissero da ora al 2016 da quasi $1,8 miliardo (o quasi 50 per cento) e da $2,8 miliardo (o 76 per cento) da ora al 2019. I modelli di previsioni sono stati sviluppati dagli autori, da Eric Slade, dal PhD, da un professore associato nel dipartimento della psichiatria e da Linda Simoni-Wastila, BSPharm, MSPH, il PhD, un professore al banco dell'università del Maryland della farmacia. Lo studio, il primo per esaminare queste riduzioni dei costi possibili, è stato pubblicato nell'emissione di luglio dei servizi psichiatrici del giornale.

I ricercatori hanno predetto i cambiamenti in Medicaid globale che spendono per gli antipsicotici fra 2011 e 2019. Nel 2011, Medicaid ha speso più di $3,6 miliardo sugli antipsicotici di seconda generazione. Cinque farmaci bollati -- aripiprazolo, quetiapine, olanzapine, ziprasidone e paliperidone -- rappresentato $3,3 miliardo o 90 per cento di questa spesa. Medicaid è il debitore principale per i farmaci antipsicotici negli Stati Uniti, rappresentando fra 70 per cento e 80 per cento di tutte le prescrizioni antipsicotiche.

“I farmaci di salute mentale sono fra i medicinali più prescritti in Medicaid e molti di questi farmaci recentemente sono diventato disponibili poichè generico o presto saranno,„ ha detto il Dott. Slade, che è un economista. “Le nostre previsioni suggeriscono che questo cambiamento provochi un bene inaspettato finanziario sostanziale agli stati ed al governo federale.„

Gli antipsicotici sono il sostegno del trattamento per le malattie psicotiche quale la schizofrenia e disordine bipolare. Negli anni 90, una nuova categoria di farmaci antipsicotici, conosciuta come “gli antipsicotici della seconda generazione,„ è stata introdotta. Questi nuovi farmaci hanno promesso meno effetti secondari, ma erano egualmente più costosi. Fra 1999 e 2005, spese antipsicotiche annuali per beneficiario di Medicaid più di quanto raddoppiato. Da ora al 2009, gli antipsicotici hanno rappresentato quasi 15 per cento di tutte le spese di Medicaid per i farmaci.

Durante gli anni 90 ed il 2000, le preoccupazioni circa le spese antipsicotiche aumentanti in Medicaid piombo molti stati imporre le restrizioni all'uso degli antipsicotici di seconda generazione. Le restrizioni comuni di Medicaid comprendono i requisiti che un medico ottiene l'autorizzazione precedente prima della scrittura della prescrizione, limiti sul numero totale delle prescrizioni che un paziente può riempire al mese e dei requisiti prescrivere determinati antipsicotici prima della prova delle altre. Il Dott. Slade nota che mentre la spesa antipsicotica diminuisce, alcuni di questi limiti possono più non essere necessari.

“Questi risultati hanno il potenziale di migliorare le vite della gente che soffre dalla schizofrenia ed altri disturbi mentali,„ ha detto Bankole A. Johnson, il MD, DSc, il MB, ChB, presidente dell'instituto di psichiatria del SOM di UM. “Mentre qualcuno che curi i pazienti io vede di prima mano come queste malattie possono causare soffrire ed io sperano che questo studio possa contribuire ad alleviare alcuno di quel dolore.„

Brevetti la protezione per quasi tutta la seconda generazione che i farmaci antipsicotici, che includono l'aripiprazolo, il asenapine, la clozapina, il iloperidone, il lurasidone, il olanzapine, il paliperidone, il quetiapine e lo ziprasidone, è scaduto o che espireranno tra qualche anno. Facendo uso dei dati sulle prescrizioni antipsicotiche e della spesa in Medicaid, i ricercatori hanno sviluppato i preventivi del risparmio al programma di Medicaid da un uso di una droga, risperidone, durante gli anni 2008 - 2011. Il Risperidone, una delle prime droghe di seconda generazione, è diventato nel 2008 disponibile genericamente. Poi hanno usato questi preventivi per prevedere il risparmio per tutti i farmaci antipsicotici.

“Questo studio offre le informazioni importanti per i responsabili della politica mentre traversano le difficoltà di saldare la responsabilità fiscale con i bisogni dei pazienti,„ ha detto decano E. Albert Reece, il MD, il PhD, MBA, che è egualmente il vice presidente per gli affari medici, università del Maryland ed il John Z. e professore di Akiko K. Bowers Distinguished e decano della scuola di medicina. “Il lavoro del Dott. Slade è un grande esempio di come il banco sta usando i dati per fare le scoperte circa salubrità ed il criterio di integrità che hanno il potenziale di fare una differenza per i pazienti.„

Decano Reece ed il decano del banco della farmacia, Natalie D. Eddington, PhD, FCP, FAAPS, egualmente hanno elogiato la cooperazione fra il SOM di UM ed il banco della farmacia, ad esempio che tale integrazione del inter-banco dà spesso i risultati fruttuosi. “Questo lavoro dal Dott. Slade e dal Dott. Simoni-Wastila mostra come la facoltà dalle discipline differenti, in banchi differenti, può lavorare insieme per portare la loro conoscenza per riguardare le domande importanti, con il romanzo ed utile, risultati,„ ha detto decano Eddington.

Source:

University of Maryland School of Medicine