Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Studio: Guerrieri delle donne a nessun maggior rischio che gli uomini per sviluppare PTSD

Mentre la ricerca passata sulla domanda è stata mista, un nuovo studio dai ricercatori di affari dei veterani e della difesa suggerisce che le donne nei militari siano a nessun maggior rischio che gli uomini per sviluppare il disordine post - traumatico di sforzo, dati le simili esperienze--compreso il combattimento.

I risultati sono nel giornale del settembre 2015 della ricerca psichiatrica.

Lo studio ha fatto partecipare le truppe ed i veterani di servizio attivo che fa parte dello studio di gruppo di millennio. Quello sforzo ha più di 200.000 partecipanti in tutto.

Il nuovo studio di PTSD hanno compreso più di 2.300 coppie gli uomini e le donne che sono stati abbinati in base ad una schiera delle variabili--compreso esposizione di combattimento--e seguito circa sette anni, in media.

“Questo è il primo studio per studiare futuro lo sviluppo di PTSD in maschio e membri femminili che sono stati abbinati sulle caratteristiche importanti multiple che potrebbero spiegare alcune delle differenze in PTSD, compreso il trauma sessuale militare,„ dice uno degli autori, Dott. Shira Maguen di servizio. “Non abbiamo trovato differenze di genere nello sviluppo di PTSD. Di conseguenza, il nostro fuoco dovrebbe essere sui tipi di esperienze traumatiche che la gente è stata esposta a, piuttosto che tutte le differenze di genere inerenti nello sviluppo di PTSD.„

Maguen è il Direttore di salute mentale della clinica di cura integrata OEF/OIF e uno psicologo del personale al centro medico di San Francisco VA. È egualmente un professore associato alla facoltà di medicina di UCSF.

L'autore principale sullo studio era il Dott. Isabel Jacobson del centro di ricerca navale di salubrità a San Diego.

Tutti gli uomini e donne nello studio erano esenti da PTSD all'inizio della ricerca ed interamente hanno spiegato almeno una volta nell'Irak o Afghanistan. Hanno completato le misure di riferimento nel 2001-2003 ed indagini di seguito nel 2004-2006 e 2007 - 2008.

Mentre le truppe femminili in generale sono meno probabili vedere il combattimento, i ricercatori hanno selezionato il campione di studio così là sarebbero numeri uguali degli uomini e delle donne con le esperienze di combattimento. Ciò era oltre alle coppie gli uomini e le donne nello studio che è abbinato sui fattori quali l'età, la corsa, la formazione, lo stato civile, il ramo di servizio ed il grado di paga e di occupazione militare.

I ricercatori egualmente hanno cercato di abbinarli sulle varie caratteristiche di salubrità, compreso uso improprio dell'alcool, ansia e la depressione. Un altro scompongono i ricercatori in fattori hanno considerato erano curriculum personali stressanti: divorzi, un assalto violento, o la morte di un membro della famiglia.

La tecnica di corrispondenza contribuita per assicurare i confronti del tipo di come. Per esempio, mentre i membri di servizio delle donne sono molto più probabili degli uomini avvertire l'aggressione sessuale, lo studio ha abbinato gli uomini e le donne su questa base anche, assicurando i numeri uguali di tali eventi in ogni paio abbinato. Lo studio egualmente ha considerato le aggressioni sessuali che possono accadere durante il periodo di seguito, durante o dopo servizio militare.

Nel corso dello studio, 6,7 per cento delle donne e 6,1 per cento degli uomini hanno sviluppato PTSD. I ricercatori dicono che la differenza non era statisticamente significativa. Inoltre, per coloro che ha sviluppato PTSD, non c'era differenza nella severità fra gli uomini e le donne.

Maguen precisa che queste tariffe di PTSD sono più basse delle tariffe comunemente citate di 11 - 20 per cento fra la restituzione dei veterani di Afghanistan e dell'Irak perché lo studio ha escluso gli uomini e le donne che hanno avuti PTSD all'inizio.

“Generalmente, quando gli studi esaminano le tariffe di PTSD fra i veterani di ritorno, esaminano ognuno, indipendentemente da se hanno avuti PTSD nel passato dai traumi pre-militari o dalle distribuzioni priori. Qui stavamo esaminando soltanto i nuovi casi,„ lei spieghiamo.

Contrariamente al nuovo studio, la ricerca passata sui civili ha trovato che le donne sono all'elevato rischio che gli uomini per PTSD. Quell'organismo di letteratura, sebbene, non sia basato sui confronti degli uomini e delle donne con le simili esposizioni di trauma.

Maguen: “Penso le donne militari siano estremamente resilienti, ma penso che le differenze nelle tariffe nella letteratura civile realmente riguardino una serie di fattori, compreso le donne che hanno tariffe molto più alte dei traumi interpersonali, che conosciamo la gente messa ad ad alto rischio per PTSD.„

Maguen ed i suoi colleghi indicano parecchie limitazioni del loro studio. Per esempio, mentre hanno provato a abbinare gli uomini e le donne in base all'occupazione militare--fra tutti i altri fattori--riconoscono che i membri con lo stesso codice professionale potrebbero realizzare i dazi differenti mentre oltremare.

Inoltre, le domande di indagine circa l'esposizione di combattimento non possono distinguere adeguatamente fra coloro che ha veduto le truppe o i civili morti o feriti e coloro che attivamente ha partecipato al combattimento.

Malgrado questi ed altre limitazioni, i ricercatori dicono che lo studio è il primo da potere rispondere alla domanda: “Se un uomo e una donna sono equivalenti su tutti i altri fattori, compreso cronologia di aggressione sessuale, che è più probabile sviluppare PTSD in un ambiente spiegato con o senza avvertire il combattimento?„

I ricercatori dicono gli sforzi del dipartimento della difesa di sostegno di risultati per integrare le donne nei ruoli di combattimento. Il genere da solo non è un indicatore del rischio di PTSD, dicono.

“Questo studio supporta la direzione positiva che è catturata dall'espansione delle occupazioni delle donne nei ruoli di armi di combattimento e suggerisce il supporto continuato dal [dipartimento della difesa] per le donne che cercano l'uguaglianza professionale nella regolazione militare,„ scriva gli autori.

Il Dott. Dawne Vogt, vice direttore sostituto della divisione di scienze della salubrità delle donne del centro nazionale del VA per PTSD, dice, “questi risultati sono importanti a causa del loro fuoco sulla nuova insorgenza PTSD.„ Precisa che sono coerenti con quelli “da parecchi altri studi recenti che hanno indicato che i membri femminili di servizio degli Stati Uniti sono non di più vulnerabili dei membri maschii di servizio alle conseguenze negative di salute mentale dell'esposizione di guerra.„

Source:

Veterans Affairs Research Communications