Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La nuova tecnica di trattamento non invadente di immagine può migliorare gli indici di successo di IVF

Una collaborazione fra i biologi e gli ingegneri alla Monash University piombo allo sviluppo di nuova tecnica di trattamento non invadente di immagine per prevedere la formazione dell'embrione. I ricercatori potevano vedere, per la prima volta, il movimento di tutte celle in embrioni mammiferi viventi come si sviluppano sotto il microscopio. Questa innovazione ha implicazioni importanti per i trattamenti di IVF (fertilizzazione in vitro) e la diagnosi genetica di pre-impianto (PGD). In futuro, questo approccio potrebbe aiutare con la selezione dell'embrione prima che l'embrione fosse impiantato nuovamente dentro l'utero per migliorare gli indici di successo di IVF.

Ciò l'ultima ricerca, pubblicata in cella inerente allo sviluppo e “la tensione corticale nominata assegnano le prime celle interne dell'embrione mammifero„, forniscono le nuove comprensioni in formazione dell'embrione e sfidano il modello prevalente del collocamento delle cellule con divisione. I tre primi autori della giunzione sono: Dott. Melanie White, ricercatore al laboratorio di Plachta all'istituto a ricupero australiano della medicina (ARMI), Dott. Yanina Alvarez dell'università di candidato di Buenos Aires e di Rajeev Samarage, di PhD sorvegliato da prof. Andreas Fouras al dipartimento di assistenza tecnica meccanica ed aerospaziale alla Monash University.

Gli embrioni mammiferi cominciano fuori come piccolo gruppo di celle identiche. Poi ad una fase iniziale, alcune di queste celle prendono una posizione interna all'interno dell'embrione. Queste celle interne sono quelle che continuino a formare tutte celle dell'organismo mentre le celle esterne restanti continuano a formare altri tessuti quale la placenta.

Per molti anni, i ricercatori hanno teorizzato che le celle interne adottano la loro posizione con un trattamento speciale di divisione cellulare, ma dovuto le limitazioni tecnologiche, questa mai non realmente era stato indicato. Facendo uso dei loro metodi di recente sviluppato della rappresentazione, i ricercatori di Monash University potevano dimostrare che questo modello di formazione dell'embrione era sbagliato.

I ricercatori poi hanno applicato le tecniche di avanguardia del laser all'embrione mammifero (precedentemente utilizzato negli embrioni dell'impianto e della mosca o alle celle coltivate soltanto) per determinare che forze stavano agendo sulle celle per incitarle a muoversi dentro l'embrione.

Facendo uso di queste nuove tecniche di rappresentazione, i ricercatori potevano vedere come le celle si sono mosse col passare del tempo e deformato mentre “sono state spinte„ dentro per formare il Massachusetts interno. Hanno indicato che ci sono differenze nella tensione delle membrane delle celle e queste differenze sono che cosa determinano quali celle si muoveranno dentro per formare l'organismo. Alterando la tensione delle celle facendo uso dei laser o delle manipolazioni genetiche, i ricercatori potrebbero cambiare che le celle muovono dentro l'embrione.

Questi risultati egualmente offrono il potenziale futuro di fare le alterazioni per migliorare le forze e la formazione intercellulari delle cellule.

“I nostri risultati offrono una possibilità attraente dove le alterazioni alle forze intercellulari potrebbero aumentare l'attuabilità dell'embrione che piombo per migliorare i risultati di IVF. Possiamo pensare a questo come “inserire la giusta direzione„,„ il sig. Samarage ha detto.

Il lavoro è in corso usare questa nuova tecnologia su ordinazione della segmentazione di immagine con gli approcci non invadenti della rappresentazione per vedere come gli embrioni umani utilizzati in IVF o nella diagnosi genetica di pre-impianto (PGD) in primo luogo organizzano le loro celle.

“Se in futuro, possiamo combinare la nostra nuova tecnica di trattamento di immagine con le tinture non nocive che possono contrassegnare le membrane degli embrioni umani, possiamo potere valutare gli embrioni utilizzati in IVF e decidere quale per impiantare per avere la migliore possibilità di successo,„ ha detto il Dott. Melanie White.

Source:

Monash University