Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

ASU e tre istituzioni del partner hanno assegnato la concessione del NSF per studiare come i cervelli sani creano le memorie degli odori

Come la maggior parte dei animali, contiamo sul nostro odorato per la sopravvivenza. È critico alla nostra salubrità e ad un fattore importante nella nostra qualità di vita.

Una riduzione della nostra capacità di odorare è creduta per essere un precursore alle malattie neurodegenerative quali Alzheimer, Parkinson e Huntington, nominare alcuni. Eppure l'olfatto è capito male confrontato ai nostri altri sensi. Il guadagno della comprensione migliore avrà un vasto impatto nelle applicazioni della biomedicina, dell'agricoltura e di assistenza tecnica.

In un nuovo sforzo per promuovere la ricerca trasformatrice sulle domande critiche circa il nostro odorato, il National Science Foundation ha ospitato “una crepa„ chiamata “del laboratorio di idee il codice dell'olfatto.„ Come componente di questo sforzo per generare le collaborazioni interdisciplinari e innovarici per la scoperta nel campo dell'olfatto, il National Science Foundation ha assegnato l'Arizona State University e tre istituzioni del partner -- un triennale, concessione $3,6 milioni per studiare come i cervelli sani creano le memorie degli odori come pure come vengono a mancare una volta pregiudicati dalla malattia.

Il gruppo di ricerca di Smith riceverà 900 mila dollari come componente dello studio con i colleghi dalla Harvard University, l'istituto di Salk per gli studi biologici e l'istituto di tecnologia della California. Questa concessione è uno di tre forniti nazionalmente.

“L'opportunità con le idee del NSF il laboratorio ha permesso che noi sviluppassimo gli approcci innovatori ed altamente interdisciplinari del romanzo, per avanzare una comprensione di come il cervello rappresenta gli odori,„ ha detto Brian Smith, professore e neuroscenziato con il banco di ASU delle scienze biologiche. “Raggiungere questa comprensione avrà che un vasto impatto nella biomedicina e nell'agricoltura come pure applicazioni di assistenza tecnica.„

Gli scienziati useranno gli api del miele e le mosche di frutta come modelli per capire meglio lo spazio fisico degli odori -- come gli odori naturali accadono e come un organismo deve individuarli contro gli ambiti di provenienza complessi. Questo studio concederebbe a ricercatori un'opportunità importante di collegare la struttura fisica di un ambiente di odore per capire meglio come gli impianti di cervello.

Gli studi precedenti hanno usato gli odori sintetici per ricercare l'olfatto, ma invece, questo gruppo userà gli odori naturali raccolti dagli ambienti degli insetti. Ciò ha potuto rivelare le nuove informazioni sui circuiti neurologici dietro il nostro odorato.

“Questo eccitare, la ricerca di avanguardia potrebbe fornirci una comprensione delle rappresentazioni neurali dell'odore di cui non sono stati descritti mai prima,„ lui ha aggiunto. “Questo, a sua volta, potrebbe aiutarci a capire come i cervelli funzionano male una volta affrontati alla malattia.„

Lo studio può anche urtare positivamente uno sforzo per costruire le unità che potrebbero fiutare fuori le cose quali le droghe, le bombe, o persino il cancro.

Source:

Arizona State University