Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Everolimus, 177Lu-dotatate estende il tumore neuroendocrino PFS

Da Lynda Williams, Reporter Senior dei medwireNews

I risultati senza progressione Positivi (PFS) di sopravvivenza dalle prove RADIANT-4 e NETTER-1 estendono l'armamentario per i medici che curano i pazienti con i tumori neuroendocrini (NETs).

Gli studi, indicanti l'efficacia per il everolimus dell'inibitore del mTOR e il lutezio-dotatate di terapia del radionuclide del ricevitore (Lu)177 del peptide, rispettivamente, sono stati presentati al Congresso Europeo del Cancro tenuto a Vienna, Austria.

Il punto finale primario di PFS nella prova RADIANT-4, come determinata dall'esame radiologico centrale, era di 11,0 mesi nei 205 pazienti con i Netti non funzionali del tratto gastrointestinale o il polmone che è stato definito a caso per ricevere il everolimus 10 mg/giorno ha paragonato a 3,9 mesi nei 97 pazienti dati il placebo, con un rapporto significativo di rischio (HR) di 0,48.

“Il vantaggio robusto„ è stato confermato entro la valutazione del ricercatore, con PFS di 14,0 mesi contro 5,5 mesi nei gruppi del placebo e di everolimus e un'ORA significativa di 0,39.

La prima analisi globale provvisoria prevista di sopravvivenza ha mostrato un rapporto di riproduzione di 36% del rischio di morte a favore del everolimus e, sebbene questo non sia stato statisticamente significativo, i ricercatori ritengono che l'analisi dei dati maturi nel 2016 possa mostrare un risultato significativo.

“Sebbene sappiamo dagli studi precedenti che il everolimus potrebbe ritardare la crescita dei Netti pancreatici, questo è la prima volta abbiamo potuti indicare conclusivamente che è efficace in altri siti NETTI„, abbiamo detto James Yao, dal Centro del Cancro di Anderson di MD dell'Università del Texas a Houston, U.S.A. e co-ricercatori RADIANT-4 in un comunicato stampa.

“Speriamo che i nostri risultati forniscano una nuova opzione del trattamento per il polmone ed i Netti gastrointestinali ed aspettiamo con impazienza di riferire ulteriori risultati dalla prova, compreso quelli sulla sopravvivenza e sulla qualità di vita globali definitive, in futuro.„

E una nuova opzione del trattamento può anche essere disponibile per i pazienti con il grado 1 o 2 Netti metastatici del midgut che hanno progredito sulla terapia analogica dell'somatostatina prima linea (SSA), hanno detto Philippe Ruszniewski, dall'Ospedale di Beaujon in Clichy, la Francia, che ha presentato i risultati preliminari per NETTER-1 la prova di fase III 177di LU-dotatate.

In Tutto, 229 pazienti in Europa o U.S.A. sono stati definiti a caso per ricevere quattro dosi 177di LU-dotatate (7,4 GBq) ad intervalli di otto settimane più mg di octreotide 30 dello SSA ogni 4 settimane, o mg di octreotide 60 dello SSA ogni 4 settimane.

PFS Mediano era unreached in 177gruppo LU-dotatate e 8,4 mesi per il gruppo di octreotide soltanto, danti un'ORA significativa di 0,21.

Una Valutazione di 201 paziente ha dato a criteri di un RECIST un tasso di risposta obiettivo di 19% contro 3%, con una risposta completa e 18 risposte parziali 177nei pazienti LU-dotatate-Trattati rispetto ad appena tre risposte parziali nel gruppo di octreotide soltanto. La malattia Progressiva si è presentata in 4% e in 24%, rispettivamente, con la malattia stabile in 66% ed in 62%.

Parlando ad una conferenza stampa, Ruszniewski ha detto che l'analisi globale dell'intenzione--ossequio provvisorio “non era finora ancora significativa„, ma con 13 morti 177nel gruppo LU-dotatate e 22 nel gruppo di octreotide soltanto, c'è una tendenza verso questo vantaggio.

Si Noti che i risultati correnti della sicurezza confermano la ricerca più iniziale che indica “un profilo di sicurezza favorevole„, Ruszniewski ha concluso: “Ora abbiamo… prova ragionevole che questo è un avanzamento importante nella popolazione dei pazienti con i Netti progressivi del midgut.„

La presidenza di conferenza stampa, Christoph Zielinski, dall'Università Medica di Vienna in Austria, ha descritto i due insiemi dei risultati come “pratica che cambia„ e che ha detto che una prova testa a testa sarebbe stata necessaria direttamente confrontare le terapie.

Ruszniewski ha sottolineato che la maggior parte dei pazienti dei Netti saranno dati tutti i trattamenti disponibili e “era una questione di ordine„, ma che l'espressione del tumore dei ricevitori dell'somatostatina e la tolleranza paziente del everolimus a lungo termine egualmente avrebbero influenzato la scelta.

Licensed from medwireNews with permission from Springer Healthcare Ltd. ©Springer Healthcare Ltd. All rights reserved. Neither of these parties endorse or recommend any commercial products, services, or equipment.