Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Stanze pazienti di pulizia con la combinazione di prodotti chimici e la trasmissione dei tagli della luce UV dei superbugs

In un ospedale, che cosa non potete vedere potrebbe danneggiarvi.

Le strutture ospedaliere continuano a combattere gli organismi resistenti alla droga quale lo staphylococcus aureus meticillina-resistente (MRSA) che bighellonano sulle superfici anche dopo che le stanze pazienti sono state pulite e possono causare le nuove, infezioni a volte-micidiali.

Ma un nuovo studio da duca Medicine ha trovato che usando una combinazione di prodotti chimici e di luce UV per pulire le stanze pazienti ha tagliato una trasmissione di quattro superbugs importanti dai 30 per cento cumulativo in un gruppo specifico di pazienti -- coloro che resta durante la notte in una stanza in cui qualcuno con una cultura o un'infezione positiva conosciuta di un organismo resistente alla droga precedentemente era stato curato.

Questo gruppo di pazienti ha rappresentato circa cinque per cento di più di 600.000 pazienti attraverso gli ospedali di studio. I ricercatori di duca presenteranno ai risultati a San Diego venerdì 9 ottobre, alla settimana di identificazione, una riunione annuale degli esperti nella malattia infettiva intorno al mondo.

La prova ripartita con scelta casuale è stata condotta a nove ospedali nel sud-est dal 2012 al 2014, compreso tre ospedali di sistema di salubrità di Duke University, un ospedale di affari dei veterani e parecchi più piccoli centri di sanità della comunità. La prova ha studiato come tre metodi di pulizia hanno pregiudicato la trasmissione di quattro agenti patogeni resistenti alla droga: MRSA, enterococchi vancomicina-resistenti (VRE), C. difficile ed acinetobatterio.

“Alcuni di questi germi sono resistenti e possono vivere sull'ambiente abbastanza a lungo che anche dopo un paziente con l'organismo ha lasciato la stanza ed è stato pulito, il paziente seguente nella stanza potrebbe potenzialmente essere esposto,„ ha detto Deverick il J. Anderson, M.D., uno specialista della malattia infettiva a duca Medicine e principale inquirente dello studio. “Parecchi gruppi hanno dimostrato che le strategie di pulizia migliorate come per mezzo dei commputer UV portatili possono uccidere questi germi, ma questo è il primo studio controllato buono che mostra che queste tecniche possono fare i risultati significativi del ricoverato di differenza.„

L'approccio standard per pulizia della stanza comprende l'uso di un disinfettante dell'ammonio quaternario, o “il quat.„ Gli ospedali partecipanti hanno usato tre metodi per l'uccisione dei germi: irradiando la stanza con UV dopo avere usando un quat, la sostituzione del quat con il candeggiante e la sostituzione del quat con il candeggiante e l'irradiazione della stanza con la luce UV. I ricercatori hanno trovato che la strategia più efficace era di procedere ai quats standard della disinfezione, seguiti da un ciclo minuto 30 - 50 con un commputer d'irradiazione UV portatile.

“Il personale aprirebbe i cassetti, le porte aperte al bagno, laminano il commputer nel centro della stanza,„ Anderson ha detto. “La luce UV funziona attraverso i beni riflettenti, mortali gli organismi anche nelle ombre se c'è spazio affinchè l'indicatore luminoso rifletta. L'indicatore luminoso interrompe il DNA di questi germi e li uccide.„

Nel sottogruppo specifico di pazienti che sono stati studiati, il metodo ha provocato quasi un terzo di una di riduzione cumulativa dell'acquisto dei c'è ne dei quattro superbugs o dello sviluppare le infezioni nei seguenti tre mesi, i ricercatori trovati.

“Questo studio fornisce la prova ben fondata che ha migliorato la pulizia ambientale può contribuire a ridurre la trasmissione dei germi pericolosi ad un gruppo specifico di pazienti a rischio„, ha detto John A. Jernigan, M.D., un esperto sulle infezioni sanità-associate con il centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC). “I risultati rappresentano un passo avanti importante nella comprensione del ruolo che l'ambiente dell'ospedale svolge nell'infezione di trasmissione, ma ancora abbiamo molto imparare circa l'impatto questo tipo specifico di intervento avrà per l'intera popolazione dei pazienti ospedalizzati.„

Source:

Duke Medicine