Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La nuova analisi trova i pensieri illogici come il più premonitore del rischio della schizofrenia

Malgrado le decadi dello studio, la schizofrenia ha è rimanere testardo difficile da diagnosticare nella sua fase più iniziale - fra l'aspetto dei sintomi e lo sviluppo del disordine. Ora, una nuova analisi piombo dai ricercatori alla scuola di medicina di UNC e l'istituto di calcolo di rinascita (RENCI) hanno identificato i pensieri illogici come il più premonitore del rischio della schizofrenia. Sorprendente, i disturbi percettivi - i precursori delle allucinazioni - non sono premonitori, anche se le allucinazioni complete sono caratteristiche comuni della schizofrenia. I risultati sono stati pubblicati oggi online nella ricerca della schizofrenia del giornale.

“La gente più in anticipo è identificata e riceve il trattamento quando sviluppano la schizofrenia, il migliore la loro prognosi,„ ha detto Diana Perkins, MD, un clinico e professore della psichiatria alla scuola di medicina di UNC ed a quella dei primi autori dello studio. “Se possiamo identificare la gente ad ad alto rischio per psicosi possiamo poi sviluppare gli interventi per impedire lo sviluppo della schizofrenia ed i declini funzionali connessi con.„

La schizofrenia è una malattia mentale cronica che pregiudica più di 3 milione di persone negli Stati Uniti. Emerge tipicamente durante adolescenza recente e l'età adulta iniziale e rimane un disordine cronico e rendente non valido per la maggior parte dei pazienti. Psicosi, che più di 6 milione esperienze degli Americani, si riferiscono ad un gruppo di sintomi, compreso paranoia, delirii (credenze false), allucinazioni e la disorganizzazione di pensiero e di comportamento. La psicosi si presenta sempre nella schizofrenia, ma può anche accadere nella gente con disordine bipolare o altre condizioni mediche.

I segni di allarme immediato della schizofrenia comprendono i sintomi del tipo di psicosi delicati. Tuttavia, soltanto circa 15-20 per cento della gente che fa questi sviluppare sintomi del tipo di psicosi delicati realmente la schizofrenia o altri disordini con psicosi completa. I criteri diagnostici correnti per psicosi attenuata comprendono avere almeno uno di quanto segue: pensieri illogici, pensieri disorganizzati, o disturbi percettivi di frequenza sufficiente e di severità per urtare funzione.

Per aiutare i clinici a conoscere dove tracciare i confini, Perkins e Jeffries hanno esaminato che sintomi erano più premonitori di psicosi su un periodo biennale di seguito in un gruppo di 296 persone ad ad alto rischio per psicosi a causa dell'avvertire i sintomi attenuati di psicosi. L'analisi ha rivelato che il suspiciousness ed il contenuto insolito di pensiero erano il più premonitore e che la difficoltà con il fuoco o la concentrazione e la ricchezza ideativa diminuita più ulteriormente hanno migliorato la previsione di rischio di psicosi.

L'identificazione dei sintomi più informativi è stata realizzata con “le prove rigorose di casualizzazione,„ secondo l'altro primo autore, Clark D. Jeffries, PhD, uno scienziato a RENCI. Quello significa che lo stesso algoritmo di classificatore si è applicato ai dati veri come pure alle 1000 permutazioni casuali dei dati che pazienti misti che hanno fatto e non hanno progredito per spedire in franchigia la psicosi.

D'importanza, i ricercatori hanno convalidato questi risultati in un nuovo gruppo di 592 persone con i sintomi attenuati di psicosi, confermante i risultati. Il Suspiciousness ed il contenuto insolito di pensiero comprendono “una sensibilità essere guardata,„ o “che sembra come altre stanno parlando„ della persona ma stanno sapendo che questo “non possa realmente essere vero,„ o fissando sulle coincidenze che realmente non sono connesse, o trovando “i segni„ in determinate esperienze o avendo un senso distorto di tempo.

La difficoltà con il fuoco e la concentrazione si riferisce ai problemi con il distractibility e la memoria a breve termine. La ricchezza ideativa diminuita si riferisce tipicamente alla difficoltà dopo le conversazioni o all'aggancio nel pensiero astratto.

Piuttosto sorprendente, disturbi percettivi - vedere le ombre o sentire il colpo diffonde con un senso che queste esperienze sono “non reali,„ - mentre simile alle allucinazioni non erano superficiale premonitore di psicosi. Sebbene tali sintomi siano comuni in coloro che ha sviluppato la psicosi, erano ugualmente comuni in coloro che non ha sviluppato la psicosi.

“In termini di valutazione del rischio di psicosi, penso le manifestazioni che di questo studio dobbiamo sottolineare il trattamento del pensiero della persona ed apprezzo che i disturbi percettivi non possano essere un segno specifico di allarme immediato,„ Perkins ho detto. “Penso che pregiudicherà come mettiamo a punto il nostro sistema diagnostico in futuro per la gente che è ad ad alto rischio per psicosi.„

Source:

UNC School of Medicine