Le molecole umane del parassita di malaria dividono i segmenti chiave con lo scimpanzé, parassiti del gene di malaria della gorilla

Le molecole del parassita di malaria connesse con la malattia e la morte severe--quelli che permettono che il parassita sfugga al riconoscimento dal sistema immunitario--sono stati indicati ai segmenti del gene di tasto dell'azione con i parassiti di malaria della gorilla e dello scimpanzé, che sono separati da parecchi milioni di anni, secondo un nuovo studio piombo da Harvard T.H. Chan School della salute pubblica. Questi nuove informazioni sull'origine e la genetica dei fattori umani di virulenza di malaria hanno potuto aiutare nella conoscenza di base delle cause di malaria e fornire gli obiettivi per le droghe ed i vaccini.

Lo studio sarà pubblicato il 12 ottobre 2015 online nelle comunicazioni della natura.

“L'evoluzione di questi imposta i fattori determinanti di virulenza non accade come in altri agenti patogeni. Invece di gradualmente cambiando da mutazione, come il virus di influenza, questi parassiti di malaria scambiano i segmenti intatti del gene, come la mescolanza della piattaforma delle schede,„ ha detto Caroline Buckee, assistente universitario dell'epidemiologia al banco di Harvard Chan ed all'autore senior dello studio.

La malaria uccide più di 500,000 persone un l'anno, principalmente bambini in Africa Subsahariana. Sindromi severe di malattia nella malaria umana--compreso l'anemia malarica severa, la malaria gravidanza-associata e la malaria cerebrale--sono stati collegati con la capacità del parassita di malaria di indurre i globuli rossi infettati a legare al rivestimento interno dei vasi sanguigni. Questa capacità delle celle infettate di aderire in questo modo--quale è chiave alla virulenza della malaria--è collegato con determinati geni chiamati geni di varietà.

Esaminando le centinaia di frammenti di sequenza di varietà facendo uso dell'analisi di rete, i ricercatori hanno scoperto che i brevi segmenti di questi geni sono divisi attraverso molti parassiti di malaria differenti che pregiudicano gli esseri umani, le scimmie e gli scimpanzé. Questi segmenti non sono adattamenti recenti, ma piuttosto riflettono una struttura genomica antica.

“Astonishingly, abbiamo trovato molto gli stessi mosaici comuni di sequenza in queste specie altamente divergenti, implicanti che queste brevi sequenze del mosaico, malgrado differenziazione continua, avessero un'origine antica,„ Buckee abbiamo detto. “L'origine dei fattori umani di virulenza di malaria è realmente molto più vecchia di precedentemente ha pensato.„

Source:

Harvard School of Public Health