Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Microbi dell'intestino del morbo di Crohn di trattamenti dei bambini differenti di influenza nei modi distinti

I trattamenti differenti per il morbo di Crohn in bambini pregiudica i loro microbi dell'intestino nei modi distinti, che ha implicazioni per lo sviluppo futuro delle terapie microbico-mirate a per questi pazienti, secondo uno studio piombo dai ricercatori dalla scuola di medicina di Perelman all'università della Pennsylvania. Il loro lavoro ha rivelato che uno squilibrio nella schiera dei microrganismi normalmente diversa che popolano gli intestini dei bambini è più complesso di precedentemente ha pensato nei pazienti di Crohn pediatrico. Le strategie terapeutiche nel morbo di Crohn variano dalle diete terapeutiche alle droghe ed agli antibiotici del immunosoppressore. Tuttavia, gli effetti di questi trattamenti sul microbiome squilibrato, o dysbiotic, intestinale rimangono poco chiari. Il gruppo di Penn, in collaborazione con l'ospedale pediatrico di Filadelfia, centro sanitario ed ospedale di IWK dell'ospedale pediatrico di Seattle e del Canada per i bambini malati, ha pubblicato la loro opera online questa settimana nel host e nel microbo delle cellule.

Crohn's and Colitis Foundation of America stima che altrettanto come 80.000 bambini negli Stati Uniti possono avere la malattia di viscere infiammatoria, un termine generico per il morbo di Crohn e la colite ulcerosa di malattia relativa. Il morbo di Crohn è un disordine debilitante per tutti i pazienti, ma il suo inizio iniziale in bambini può causare i problemi supplementari quali la crescita arrestata ed il puber-ty in ritardo, rendenti l'identificazione di efficaci trattamenti ancor più vitale. Poiché le droghe immunsuppressant possono causare gli effetti collaterali seri, c'è grande interesse nello sviluppare i nuovi trattamenti che mirano ai microbi che vivono nell'intestino. Ciò richiede una migliore comprensione di come i microbi dell'intestino rispondono agli approcci terapeutici differenti, l'obiettivo principale dello studio corrente.

“Mentre antibiotici, l'infiammazione ed è a dieta ciascuna ha urtato la composizione del microbiome dell'intestino, gli effetti erano in gran parte indipendenti da a vicenda,„ ha detto co-primo l'autore James D. Lewis, il MD, un professore dell'epidemiologia e della biostatistica. “Da questo abbiamo concluso che il dysbiosis in Crohn ha molte origini.„

I ricercatori hanno usato l'ordinamento genomica per analizzare i campioni fecali da 90 bambini con il morbo di Crohn come pure da 26 bambini in buona salute, tenenti la carreggiata i sintomi, l'infiammazione e microbico passa otto settimane. I pazienti del Crohn erano tutti che subiscono il trattamento con una formula di dieta o i farmaci del immunosoppressore. “In tutto, abbiamo raccolto le basi più mezze trilione di informazioni di sequenza del DNA, quindi abbiamo usato i dati per caratterizzare col passare del tempo il comportamento dei microbi dell'intestino,„ ha detto l'autore il boscimano co-senior di Frederic, il PhD, presidenza del dipartimento di microbiologia.

Ogni trattamento ha avuto un effetto distinto sulla comunità microbica dell'intestino. L'uso degli antibiotici, per esempio, ha soppresso la crescita batterica ma conseguentemente ha facilitato la crescita dei funghi. La dieta di formula ha contribuito a diminuire i sintomi e fare diminuire l'infiammazione, ma non correggendo lo squilibrio della popolazione batterica. Nell'ambito della terapia del immunosoppressore, l'infiammazione e il dysbiosis batterico sono stati diminuiti, ma il dysbiosis fungoso ha persistito.

“Alla la dieta basata a formula ha aiutato i bambini a migliorare i loro sintomi e l'infiammazione malgrado rendere il microbiota inizialmente più dysbiotic,„ ha spiegato l'autore Gary co-senior Wu, il MD, un professore della gastroenterologia. “Questo è un intrigo trovando l'implicazione che non può essere necessario completamente da riparare un microbiome sano per fornire un effetto benefico.„

Lo studio conferma che mentre il dysbiosis è una parte importante di morbo di Crohn, la reazione dei microbi dell'intestino ai trattamenti differenti può variare significativamente. La scoperta identifica i nuovi viali importanti della ricerca per trovare gli approcci ed i biomarcatori novelli del trattamento che potrebbero essere usati per scegliere la giusta terapia per il paziente giusto.

“Corrente stiamo intraprendendo gli studi destinati per valutare l'impatto della dieta, compreso alle le diete basate a formula e sventriamo il microbiome sui metaboliti trovati in feci e sangue,„ Lewis ha detto. Le nuove comprensioni sui meccanismi del dysbiosis e delle loro interazioni con i trattamenti promettono alle migliori terapie e gestione di sintomo per trovare una migliore qualità di vita per i bambini e gli adulti con il morbo di Crohn.

Source:

University of Pennsylvania School of Medicine