Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio mostra la vitamina D, venire a mancare di supplementi del calcio per proteggere da cancro colorettale

Un grande, studio ripartito con scelta casuale a 11 ospedale degli Stati Uniti compreso il centro medico di Dartmouth-Hitchcock ha trovato che la vitamina D ed i supplementi del calcio non riescono a proteggere dallo sviluppare il cancro colorettale.

I risultati di studio, pubblicati oggi in New England Journal di medicina, non hanno supportato gli studi d'osservazione più iniziali che suggeriscono un collegamento fra il rischio di cancro colorettale più basso con i livelli elevati di sangue di vitamina D o la maggior assunzione del calcio.

Più di 2.200 adulti a 11 centro medico accademico ed a pratiche mediche affiliate hanno partecipato ad una ad una prova del completamento con il vitamina D3 (1000 IU/day) e/o ad un calcio ripartiti le probabilità su e controllati a placebo (1200 mg/giorno) per la prevenzione dell'adenoma colorettale. Conosciuto comunemente come polipi, gli adenomi colorettali sono tumori benigni che possono svilupparsi in cancro. Gli adenomi sono individuati ed eliminati durante la colonoscopia eseguita per la selezione di salubrità sistematica per i pazienti oltre 50.

Ogni partecipante di studio, invecchiato 45-75, ha avuto una cronologia dell'adenoma colorettale senza alcuni polipi restanti dopo la colonoscopia. I pazienti sono stati definiti a caso per catturare il vitamina D3 o il calcio; o entrambi; o nessuni. Il contrario alle aspettative dei ricercatori dello studio, il completamento quotidiano per 3-5 anni non ha diminuito il rischio di adenomi colorettali ricorrenti fra i partecipanti di studio.

“Che cosa fa questo studio significativo è che i clinici stanno schermando ordinariamente per la vitamina D nei controlli sanitari sistematici e spesso raccomandando che i pazienti catturino i supplementi,„ ha detto Elizabeth L. Barry, il PhD, un ricercatore al centro del Cancro del cotone di Dartmouth-Hitchcock's Norris ed alla scuola di medicina di Geisel a Dartmouth. “Per la prevenzione dell'adenoma colorettale, il nostro studio non ha mostrato vantaggio nel usando queste dosi dei supplementi quotidiani, molto con la nostra sorpresa. Gli studi d'osservazione priori hanno suggerito che i bassi livelli di vitamina D in esseri umani potessero aumentare il rischio di cancro colorettale, ma nella regolazione più rigorosa ad una di una prova controllata a placebo ripartita con scelta casuale, abbiamo trovato che la vitamina D ed il completamento del calcio non hanno diminuito il rischio di adenomi colorettali, che sono precursori del cancro.„

I ricercatori ora stanno osservando più molto attentamente i dati che suggeriscono che le differenze nel trucco genetico dei partecipanti potrebbero influenzare la risposta al trattamento con la vitamina D ed il calcio e se il trattamento più a lungo termine con la vitamina D potrebbe essere necessario per la prevenzione. Nel frattempo, Barry ha detto, “è importante sottolineare l'importanza della colonoscopia e della rimozione del polipo come la maggior parte del modo efficace di proteggere da cancro colorettale.„

Source:

Norris Cotton Cancer Center