Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Benzodiazepine e droghe relative usate frequentemente prima e dopo la diagnosi del morbo di Alzheimer

Le benzodiazepine e le droghe relative sono iniziate frequentemente in persone con il morbo di Alzheimer già prima della diagnosi ed il loro uso diventa ancor più comune dopo la diagnosi, mostra uno studio recente dall'università di Finlandia orientale. Le benzodiazepine e le droghe relative sono usate come farmaco di sonno e per gli scopi dell'ansiolitico. Queste droghe sono state iniziate più frequentemente in persone con il morbo di Alzheimer che in persone non diagnosticate con l'ANNUNCIO. Rispetto alle persone non diagnosticate all'ANNUNCIO, era tre volte più probabile per le persone con il morbo di Alzheimer iniziare l'uso della benzodiazepina dopo la diagnosi e le benzodiazepine sono state iniziate il più comunemente sei mesi dopo la diagnosi.

I risultati sono basati sui dati dallo studio finlandese di uso e del morbo di Alzheimer del farmaco, Medalz. Medalz comprende in tutta la nazione, gli estesi dati basati sui registri dalla sanità finlandese registrano ed includono tutte le persone diagnosticate con il morbo di Alzheimer in Finlandia fra 2005 e 2011. Lo studio, ora pubblicato in giornale del morbo di Alzheimer, analizzato l'inizio delle benzodiazepine e droghe riferite in 51.981 persona diagnosticata con l'ANNUNCIO. Il loro uso delle droghe è stato riflesso per un periodo di cinque anni e seguito ha cominciato già due anni prima della diagnosi. I risultati sono stati paragonati alle persone non diagnosticate al morbo di Alzheimer che sono state abbinate in base all'età ed al genere.

Secondo le linee guida correnti finlandesi di cura, le benzodiazepine possono essere usate a breve termine per trattare i problemi comportamentali connessi con il morbo di Alzheimer. Tuttavia, i dati sui vantaggi di queste droghe nel trattamento dei problemi comportamentali sono insufficienti, ma è conosciuto che queste droghe aumentano il rischio di cadute e causano il danno conoscitivo.

Uno degli studi più iniziali sullo studio di Medalz ha trovato che in Finlandia, le benzodiazepine sono utilizzate per gli estesi periodi in persone con il morbo di Alzheimer. Ciò, insieme all'individuazione corrente degli inizi frequenti di queste droghe, dipinge una maschera di una mora possibile nelle diagnosi dell'ANNUNCIO e pratica interessare al del trattamento basato a sintomo prima ed intorno alla diagnosi.

Source:

University of Eastern Finland