Il Nuovo articolo esamina gli ultimi avanzamenti nella particella magnetica che tiene la carreggiata nella terapia cellulare

Un nuovo articolo pubblicato nella Medicina A Ricupero esamina gli ultimi avanzamenti nella particella magnetica che tiene la carreggiata nella terapia cellulare, in una strategia potenzialmente approfondita nel trattamento di malattia e nella medicina a ricupero.

La Terapia cellulare è uno dei viali di promessa per medicina a ricupero, tuttavia, il suo successo è limitato da una serie di limitazioni, quali la consegna e la conservazione inefficienti delle celle terapeutiche all'organo bersaglio, delle difficoltà nel video la sicurezza e dell'efficacia della terapia, oltre alle emissioni che ottengono e che mantengono i fenotipi terapeutici delle cellule.

In un esame da un gruppo dal Centro di UCL per il gruppo Biomedico Avanzato della Rappresentazione (Londra, REGNO UNITO), a tecniche basate a particella magnetiche emergenti e stabilite per l'ottimizzazione, la rappresentazione e le celle di stimolazione in vivo sono discusse, oltre ai vantaggi potenziali della loro applicazione alle nelle terapie a ricupero basate a cella della medicina la clinica.

“Il controllo magnetico delle cellule staminali dentro l'organismo è un concetto affascinante e di promessa per il trattamento Segno commentato Lythgoe, Direttore di una vasta gamma di malattie„ del Centro per la Rappresentazione Biomedica Avanzata a UCL. “Facendo Uso dei nanomagnets microscopici ora abbiamo il potenziale all'immagine, guidiamo ed attiviamo le celle terapeutiche, combinando la terapia e la diagnosi - theranostics - creare un tipo novello di rappresentazione/therapy doppi

Commissione dell'Editore per Medicina A Ricupero, Elena Conroy, aggiunto: “Questo esame tempestivo fornisce un aggiornamento tanto necessario sui metodi differenti da cui i ricercatori possono celle di pista con le particelle magnetiche e su come questi possono essere usati per terapia cellulare. Credo forte che questo sia utile grande ai biologi delle cellule sia nella medicina a ricupero che in altre aree di ricerca.„

Sorgente: Gruppo Futuro di Scienza

Source:

Future Science Group