Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'ipnosi colloquiale può fare il migliore processo che le pillole per i pazienti di rilassamento prima di chirurgia

I pazienti ansiosi che si dirigono nella chirurgia ricevono spesso il farmaco per facilitare i loro timori, ma alcune parole calmanti dai loro medici potrebbero realmente essere medicina più efficace. Infatti, “l'ipnosi colloquiale„ mentre l'approccio è conosciuto, può fare un migliore processo che le pillole per i pazienti di rilassamento prima dell'anestesia e della chirurgia, suggerisce la ricerca che è presentata alla riunione annuale 2015 di ANESTHESIOLOGY™.

“L'anestesista usa calmo, parole positive per deviare l'attenzione del paziente e per aiutarla a ritenere più comodo,„ ha detto Emmanuel Boselli, M.D., Ph.D., autore principale dello studio e un anestesista del medico all'ospedale di Herriot di édouard, Lione, Francia. “Riflette un cambiamento nel modo che il medico interagisce con il paziente e richiede appena alcuni minuti.„

I ricercatori hanno usato l'ipnosi colloquiale, che consiste di parlare tranquillamente e positivamente con paziente (per esempio “tenga la calma e le quiete„ contro “non fanno prego movimento„) e concentrare l'attenzione del paziente su qualcosa all'infuori dei preparati per la procedura dell'anestesia e della chirurgia. Hanno confrontato i risultati dell'ipnosi all'uso di un farmaco standard chiamato hydroxyzine, che è catturato oralmente per rilassarsi i pazienti prima della loro procedura. Per misurare gli effetti di entrambi, hanno chiesto ai pazienti di fornire una misura soggettiva della loro comodità su un disgaggio che varia da 0 (nessuna comodità) a 10 (comodità massima) come pure hanno usato una prova obiettiva chiamata l'analgesia/indice analitico di Nociception (ANI), un indice analitico di 100 punti che è basato sulla variabilità di frequenza cardiaca. Quando i pazienti sono estremamente ansiosi ed hanno sollecitato gli ANI è zero e quando sono completamente rilassati, gli ANI sono 100.

Nello studio di 100 pazienti che subiscono la chirurgia della mano, 50 hanno avuti ipnosi colloquiale mentre erano dato l'anestesia regionale e 50 sono stati dati a 25 mg di hydroxyzine orale 30 minuti ad un'ora prima dell'induzione dell'anestesia. I loro livelli di rilassamento sono stati valutati facendo uso degli ANI come pure il disgaggio di conforto, sia prima di che dopo la ricezione dell'ipnosi o farmaco e l'anestesia.

I pazienti hanno misurato gli ANI medii di 51 prima e di 78 dopo l'ipnosi, mentre coloro che ha fatto essere in media prima il farmaco 63 e 70 dopo. Il disgaggio medio di comodità di coloro di cui aveva ricevuto l'ipnosi era 6,7 prima e di 9,3 dopo, mentre pazienti che hanno fatti essere in media prima il farmaco 7,8 e 8,3 dopo.

Secondo il Dott. Boselli, lo studio suggerisce che l'ipnosi colloquiale potrebbe aumentare la comodità auto-riferita paziente durante l'anestesia regionale senza farmaco e che questo effetto potrebbe essere riflesso obiettivamente facendo uso degli ANI. “L'ipnosi colloquiale può essere utilizzata prima di chirurgia in pazienti coscienti che hanno locale o anestesia regionale,„ ha detto il Dott. Boselli. “Anche potrebbe essere utile prima dell'anestesia generale fare diminuire l'ansia paziente.„

Source:

American Society of Anesthesiologists (ASA)