Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I fattori di stile di vita ed ambientali contribuiscono allo sviluppo della malattia celiaca

L'incidenza di malattia celiaca è aumentato fra i bambini svedesi fra 2 - 15 anni. L'escalation significativa nella malattia celiaca può essere associata con le sezioni caesarean previste, infezioni di apparato urinario durante la gravidanza, stagione della nascita ed essere sopportata in Svezia del sud. Ciò secondo una dissertazione dall'università di Umeå in Svezia.

I risultati della dissertazione indicano che l'incidenza della malattia celiaca è aumentato e che ambientale e fattori di stile di vita è importante nella causa della malattia celiaca. Un rischio aumentato di malattia celiaca può essere veduto dovuto la consegna caesarean prevista e le infezioni di apparato urinario materne ripetute durante la gravidanza.

“Questo può indicare che questi fattori contribuiscono allo sviluppo dei microrganismi patogeni sfavorevoli durante il vita iniziale un fattore connesso con lo sviluppo della malattia celiaca,„ secondo lo studente di laurea Fredinah Namatovu al ministero della salute pubblica e la medicina clinica all'università di Umeå.

Le strategie celiache di prevenzione delle malattie possono avvantaggiarsi supportando le campagne già attuali che promuovono la consegna normale e che diminuiscono l'uso antibiotico con gli scopi di promozione materni e di salute dei bambini.

Lo studio egualmente osserva un ad alto rischio in bambini sopportati durante la primavera, l'estate e l'autunno che suggerisce che il ruolo delle circostanze ambientali cicliche quale l'esposizione alle infezioni virali che sono un fattore di rischio. I bambini sopportati in Svezia del sud hanno fatti confrontare un elevato rischio a quei nati nel Nord. In Svezia del Nord, la stagione d'altezza annuale di incidenza di malattia celiaca è sembrato cominciare più successivamente confrontato in Svezia del sud e centrale.

“Fra i medici svedesi è conosciuto che le epidemie annuali del virus respiratorio sinciziale (RSV), del rotavirus e dell'influenza cominciano normalmente nel sud e più successivamente si spargono in Svezia del Nord che più ulteriormente rinforza l'ipotesi di infezioni virali,„ continua Fredinah Namatovu.

Lo studio indica che se la madre fosse in 35 anni ed avesse i redditi alti, il rischio era della malattia celiaca era più basso. Entrambi i fattori potrebbero indicare che queste madri hanno avute uno stile di vita differente, come quelli connessi con l'riduzione del rischio di sviluppare la malattia celiaca.

Una variazione nel carico della malattia celiaca può essere veduta con molto pochi casi che ottengono diagnosticati durante i primi due anni di vita, come era precedentemente il caso. Inoltre, un aumento nell'età media alla diagnosi ha potuto essere testimoniato da intorno 1,1 alla metà degli anni '90 a 6,7 anni da ora al 2009.

Source:

Umea University