Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Studio della fase 3 di Ixazomib mieloma multiplo ricaduto/refrattario presentato

La ditta farmaceutica di Takeda limitata oggi ha annunciato che presenterà a fase 3 dati dal test clinico del ixazomib TOURMALINE-MM1 alla cinquantasettesima società americana della riunione annuale dell'ematologia (CENERE) da tenere a Orlando, Florida dal 5 all'8 dicembre 2015.

Complessivamente 19 estratti società-patrocinati che rappresentano la larghezza e la profondità del portafoglio dell'ematologia-oncologia di Takeda erano accettati per la presentazione alla riunione di quest'anno.

Stiamo guardando specialmente in avanti alla riunione annuale di quest'anno della CENERE. Presenteremo i dati chiave sul programma del ixazomib come pure i dati globali quinquennali di sopravvivenza per ADCETRIS linfoma ricaduto/refrattario di Hodgkin.

Il successo di questi due programmi, oltre ai dati presenteremo su VELCADE e la nostra conduttura, è la realizzazione delle decadi dell'impegno ai pazienti con le malignità ematologiche.

Dixie-Lee Esseltine, MD, FRCPC, vicepresidente, unità territoriale terapeutica di oncologia, Takeda.

“Questo è la prima volta i dati di fase 3 saranno presentati per ixazomib, un inibitore proteasome orale e settimanale che, se approvato, permetterebbe al primo regime tutto orale del tripletto che contiene un inibitore proteasome per il trattamento mieloma multiplo ricaduto/refrattario,„ ha detto TOURMALINE-MM1 il ricercatore principale Philippe Moreau, M.D., università di Nantes, Francia.

“Nel lavoro con l'oncologia di Takeda sull'evoluzione di inibizione proteasome, continuiamo a sforzarci verso la fornitura delle opzioni nuove per rispondere ai bisogni insoddisfatti dei pazienti con il mieloma multiplo.„

Ixazomib è il primo inibitore proteasome orale nello sviluppo clinico della fase recente. Lo studio TOURMALINE-MM1 è un'internazionale, ripartita con scelta casuale, la prova alla cieca, a test clinico controllato a placebo di fase 3 che è stato destinato per valutare la superiorità di ixazomib una volta alla settimana orale più il lenalidomide e il dexamethasone contro placebo più il lenalidomide e il dexamethasone in pazienti adulti con il mieloma multiplo ricaduto e/o refrattario.

Ixazomib è stato accordato rispettivamente l'esame di priorità dagli Stati Uniti (FDA) Food and Drug Administration e valutazione accelerata dal comitato per i medicinali per uso umano dell'Agenzia europea per i medicinali, convalidante l'esigenza insoddisfatta profonda e continua di nuovi trattamenti di mieloma multiplo.

Queste osservazioni per il trattamento dei pazienti con il mieloma multiplo ricaduto e/o refrattario sono state basate sui dati TOURMALINE-MM1.

Le presentazioni di Takeda alla CENERE 2015 includono quanto segue:

Ixazomib

ADCETRIS (vedotin di Brentuximab)

VELCADE (Bortezomib)

Alisertib

Source: