Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Le variabili Emodinamiche possono distinguere pre- dal post-capillare PH

Da Eleonor McDermid, Reporter Senior dei medwireNews

I Ricercatori hanno identificato le variabili emodinamiche che distinguono il più bene fra i pazienti con ipertensione arteriosa polmonare idiopatica (PAH) ed ipertensione polmonare isolata del post-capillare (PH).

I Pazienti identificati come avendo PAH idiopatico dal questo mezzi hanno una buona probabilità di reagire al trattamento della prostaciclina, i rapporti del gruppo, aggiungenti che le terapie mirate a corrente non sono raccomandate per i pazienti con il post-capillare isolato PH, dovuto mancanza di efficacia.

Irene Lang (Università Medica di Vienna, di Austria) e co-ricercatori ha trovato che la pressione di cuneo arteriosa polmonare di media (mPAWP) ed il gradiente di ricerca vascolare polmonare diastolico (DPG) hanno distinto il più bene fra 38 pazienti con il PAH idiopatico e 1209 con il post-capillare isolato PH, identificato fra da 4363 pazienti che subiscono la cateterizzazione diagnostica del cuore destro.

Avevano preveduto un taglio del mPAWP che era più basso corrente “accettato„, ma in effetti hanno confermato la soglia precedentemente proposta di 12 mmHg. Ciò ha distinto fra i due gruppi con una sensibilità di 99,4% e una specificità di 96,8%, con i pazienti idiopatici del PAH che hanno valori sotto la soglia.

Ad un taglio di 7 mmHg, DPG ha distinto fra i gruppi pazienti con una sensibilità di 96,8% e una specificità di 100%, con i pazienti idiopatici del PAH che hanno valori pari o al di sopra della soglia.

Il gradiente transpulmonary era il parametro accurato seguente-più, dando una sensibilità di 96,8% e una specificità di 96,7% ad un taglio di 22 mmHg. L'accuratezza di altri parametri era più bassa, con la resistenza vascolare polmonare il la maggior parte e pressione atriale di media la giusta il più minimo l'accurato.

Fra 978 pazienti dati il trattamento della prostaciclina in quattro prove ripartite con scelta casuale, quelli con un mPAWP inferiore a 12 mmHg hanno avuti miglioramenti significativi in sette parametri emodinamici riguardante quelli placebo dato. Al Contrario, quelli con un più alto mPAWP hanno migliorato soltanto il loro volume del sangue arterioso e da di meno che i pazienti con mPAWP più basso.

Inoltre, i pazienti con un DPG superiore a 20 mmHg (scelti per massimizzare sensibilità) hanno avuti miglioramenti emodinamici significativi in risposta al trattamento attivo, mentre quelli con un DPG più basso non hanno fatto.

Scrivendo nel TORACE, i ricercatori avvertono che i loro risultati sono soltanto applicabili ai pazienti dati il trattamento della prostaciclina, ad esempio che “la convalida dell'algoritmo è necessaria assicurare l'applicabilità per altre terapie PAH-mirate a `'.„

Aggiungono: “I Nostri dati confermano il valore del riferimento e dell'emodinamica del su trattamento per seguito clinico dei pazienti con il PAH.„

Licensed from medwireNews with permission from Springer Healthcare Ltd. ©Springer Healthcare Ltd. All rights reserved. Neither of these parties endorse or recommend any commercial products, services, or equipment.