Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I risultati hanno potuto offrire a medici il nuovo metodo per diagnosticare il cancro del pancreas più presto in pazienti

Raccogliendo i campioni dal filone portale--quale porta il sangue dal tratto gastrointestinale, includente dal pancreas, al fegato--i medici possono imparare molto più circa il cancro del pancreas di un paziente che contando sul sangue periferico da un filone più facilmente raggiunto nel braccio.

I tumori primari hanno sparso le celle cancerogene, conosciute come le celle di circolazione del tumore (CTCs), nel sangue. Questi ampiamente sono stati studiati come biomarcatori prognostici per vari cancri. Poiché queste celle sono spesso più grandi, di forma irregolare e tenda a ragruppare insieme, essi ottengono intrappolato in più piccole imbarcazioni.

Gli autori hanno supposto che la maggior parte delle celle rilasciate da un tumore gastrointestinale sfociassero nel filone portale e poi ottenere ha sequestrato dalle imbarcazioni strette nel fegato. Queste celle non raggiungerebbero il sistema venoso periferico. CTCs dai tumori gastrointestinali è identificato raramente nel sangue periferico finché il cancro non sia ampiamente metastatico.

Per verificare questa teoria, i ricercatori dall'università di Chicago hanno usato un endoscopio ultrasuono-guida e un piccolo ago di stampa per catturare il sangue dal filone portale durante le endoscopia diagnostiche sistematiche. Hanno trovato CTCs in 100 per cento di 18 pazienti con i tumori sospettati nel pancreas e nei dotti biliari. Prove facendo uso dei campioni di sangue periferici, il metodo standard, celle individuate dei tumori in soltanto 4 dei 18 pazienti.

“Abbiamo dimostrato che questo metodo è potenzialmente abbastanza apprezzato come pure non invadente, fattibile e sicuro,„ abbiamo detto Direttore Irving Waxman, MD, professore di medicina e di chirurgia e Direttore di studio del centro per la ricerca e la terapeutica endoscopiche all'università. “Non abbiamo fatti relativo complicazioni ad acquisizione di sangue del filone portale.„

I risultati hanno potuto offrire a medici un metodo per diagnosticare il cancro del pancreas più presto in pazienti. Soltanto sette per cento dei pazienti diagnosticati con la malattia della fase II sono cinque anni ancora vivi dopo la diagnosi, rendentegli uno dei moduli più letali di cancro. L'associazione del cancro americana stima nel 2015 quella, quasi 49,000 persone saranno diagnosticate con cancro del pancreas e 40,560 persone con questa malattia moriranno.

I campioni del filone portale hanno contenuto molto più celle del tumore in tutte le fasi valutate, compreso i tumori localmente avanzati come pure metastatici, i ricercatori riferiscono online in gastroenterologia del giornale. Il sangue raccolto dal filone portale ha avuto una media di più di 100 CTCs per 7,5 millilitri. I pazienti con la malattia meno avanzata, che potrebbe potenzialmente trarre giovamento da chirurgia per eliminare il tumore, hanno avuti meno CTCs. Quei pazienti hanno fatto la media circa 80 CTCs per 7,5 millilitri.

Al contrario, quando i ricercatori hanno usato il sangue periferico per esaminare gli stessi pazienti, hanno trovato poche o niente celle di circolazione del tumore. Quei campioni contenuti, in media, meno di un ctc in 7,5 millilitri di sangue, l'equivalente di una cella in miliardo.

“Access alle celle di circolazione del tumore può aiutarci a definire la diagnosi e trattamento della guida,„ Waxman ha detto. “Avere la capacità di contarle e di sondare i loro profili molecolari può fare una differenza sostanziale in come trattiamo il tumore di ogni paziente.„

“Nella regolazione del cancro localizzato in cui questi risultati sono più applicabili, nell'ulteriore informazione del numero del filone portale ctc e nella loro caratterizzazione molecolare può contribuire a predire chi trarrà giovamento dalla terapia aggressiva prima di chirurgia, che è la maggior parte a rischio di una ricorrenza dopo l'operazione e perfino chi non trarrà giovamento da chirurgia affatto,„ ha detto il co-primo autore dello studio, Daniel Catenacci, il MD, assistente universitario di medicina all'università di Chicago.

Queste celle nascoste nel sistema venoso portale potrebbero aiutare gli specialisti del cancro a prendere le migliori decisioni cliniche. La caratterizzazione molecolare di CTCs ai tempi della diagnosi o dopo la terapia neoadjuvant può fornire le bugne circa la prognosi di ogni paziente. La frequente perdita di geni protettivi del tumore-soppressore--quali TP53, SMAD4 e p16/CDK2NA, che sono inattivati spesso nel cancro del pancreas--componenti con un risultato peggiore.

“Questo è un romanzo e modo molto più sensibile acquistare, enumerare e caratterizzare CTCs da cancri pancreatobiliary ed altri gastrointestinali in questa regolazione,„ Waxman ha detto. “Crediamo che possa migliorare come stratifichiamo i pazienti.„

I pazienti che non hanno CTCs nel filone portale, per esempio, dovrebbero avere una migliore prognosi che coloro che fa. I trattamenti possono essere personalizzati di conseguenza.

Gli autori acconsentono che più studi devono essere fatti per confermare la loro ipotesi con un gran numero di pazienti in una regolazione controllata. Pianificazione sforzi di collaborazione ulteriori.

“Infine, prevediamo che questa nuova prova potrebbe aiutare il trattamento di pianificazione, in base ad una registrazione molto più accurata del numero e caratteristiche delle celle di circolazione del tumore,„ ha detto co-primo Christopher Chapman autore, MD, un membro del centro per la ricerca endoscopica e terapeutica all'università di Chicago. “Che dovrebbe permettere che noi facciamo meglio, i giudizi più informati circa la prognosi ed evitano gli interventi, quale chirurgia, che non potrebbe aiutare.„

Source:

University of Chicago Medical Center