Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'inquinamento atmosferico rappresenta oltre 430 000 morti premature in Europa, mostra il nuovo rapporto

L'inquinamento atmosferico è il singolo più grande rischio di salute ambientale in Europa. Accorcia la durata della vita della gente e contribuisce alle malattie serie quali la malattia di cuore, i problemi respiratori ed il cancro. Un nuovo rapporto ha pubblicato oggi dall'Agenzia europea dell'ambiente (EEA) stima che l'inquinamento atmosferico continuasse ad essere responsabile di più di 430 000 morti premature in Europa.

Il rapporto “qualità dell'aria di SEE in Europa - il rapporto 2015„ esamina l'esposizione della popolazione europea agli inquinanti atmosferici e fornisce un'istantanea di qualità dell'aria basata sui dati dalle stazioni di video ufficiali attraverso Europa. Indica che la maggior parte dei cittadini continuano ad essere esposti agli inquinanti atmosferici ai livelli reputati pericolosi dall'organizzazione mondiale della sanità (WHO).

Gli agenti inquinanti più problematici che pregiudicano le sanità sono particolato (PM), ozono di livello del suolo (o)3 e diossido di azoto (NO2). I preventivi di impatto di salubrità connessi con l'esposizione a lungo termine a PM2.5 indicano che questo agente inquinante era responsabile di 432 000 morti premature in Europa nel 2012, un livello simile a quello stimato durante gli anni prima. Gli impatti stimati del NESSUN2 e dell'esposizione3 della O erano intorno 75 000 e 17 000 morti premature rispettivamente. Il rapporto egualmente fornisce i preventivi delle morti premature al livello di paese.

Il ` malgrado i miglioramenti continui negli ultimi decenni, inquinamento atmosferico ancora sta pregiudicando la salubrità generale degli europei, diminuendo la loro qualità di vita e speranza di vita,' ha detto il direttore esecutivo Hans Bruyninckx di SEE. ` Egualmente ha considerevoli impatti economici, costi medici aumentanti e produttività di diminuzione con i giorni lavorativi persi attraverso l'economia.'

Accanto a salubrità, gli inquinanti atmosferici egualmente hanno un impatto nocivo significativo su flora e sugli ecosistemi. Questi problemi, compreso eutrofizzazione causata dagli ossidi dell'ammoniaca (3NH) e di azoto (NO)x come pure il danneggiamento causato dalla O3 degli impianti, sono ancora diffusi attraverso Europa.

Altri risultati chiave

  • Il particolato può causare o aggravare le affezioni polmonari e cardiovascolari, gli attacchi di cuore e le aritmia. Può anche causare il cancro. Nel 2013, 87% della popolazione urbana nell'UE sono stati esposti alle concentrazioni2.5 di PM che hanno superato l'insieme del valore del WHO per proteggere le sanità. Lo standard di qualità dell'aria nell'UE è meno rigoroso e soltanto 9% sono stati esposti a PM2.5 sopra il valore obiettivo di UE. I vantaggi del miglioramento della qualità dell'aria di Europa sono chiari - rispettare lo standard di qualità dell'aria del WHO in tutto il ‑ 28 di UE piombo per fare la media le concentrazioni2.5 di PM che cadono da circa un terzo, con conseguente 144 000 meno morti premature rispetto alla situazione attuale. Il PM2.5 si riferisce alle particelle con un diametro di μm 2,5 o di di meno. Le piccole particelle possono penetrare profondamente nei polmoni.
  • L'esposizione dell'ozono in città rimane 98% molto alto- della popolazione urbana EU-28 è stata esposta alle concentrazioni3 nella O sopra il valore della linea guida del WHO nel 2013. Circa il 15% è stato esposto alle concentrazioni sopra (meno rigoroso) il valore obiettivo di UE per le concentrazioni3 in ozono del O. egualmente danneggia i ventrigli, le foreste e gli impianti agricoli diminuendo i loro tassi di accrescimento e rendimenti. L'obiettivo a lungo termine per la protezione di vegetazione dalla O3 è stato oltrepassato in 86% della zona agricola totale EU-28.
  • Il diossido di azoto pregiudica direttamente l'apparato respiratorio, ma egualmente contribuisce alla formazione di PM ed il O.3 nel 2013, 9% della popolazione urbana nel EU-28 è stato esposto a NESSUN2 concentrazioni sopra il WHO e gli standard identici di UE, con 93% di tutti i exceedances che accadono vicino alle strade.
  • Il benzoapirene (BaP) è un agente inquinante organico che è cancerogeno. Formato tipicamente come conseguenza della masterizzazione di legno, l'esposizione ad inquinamento di BaP è diffusa, in particolare in Europa centrale ed in Europa Orientale. Un quarto della popolazione urbana EU-28 è stato esposto alle concentrazioni di BaP sopra il valore obiettivo nel 2013 e fino a 91% sono stati esposti alle concentrazioni di BaP sopra il livello di riferimento stimato basato sulle figure di rischio del WHO.
  • Le emissioni dell'anidride solforosa (2COSÌ) sono state diminuite significativamente più decadi di esperienza come conseguenza della legislazione di UE che richiede l'uso delle emissioni che sfregano la tecnologia ed il contenuto più a basso tenore di zolfo in combustibili. C'erano soltanto alcuni exceedances COSÌ2 del valore limite di UE nel 2013.
  • Le concentrazioni nel monossido di carbonio, nel benzene e nel metallo pesante (arsenico, cadmio, nichel e cavo) in aria all'aperto erano generalmente basse nell'UE nel 2013, con pochi exceedances di rispettivi limite e valori obiettivi fissati dalla legislazione di UE.