Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La terapia comportamentistica Conoscitiva può essere ugualmente efficace come antideprimente della seconda generazione per la depressione

Il disordine depressivo Principale pregiudica più di 32 milione Americani ed il loro primo arresto per il trattamento è spesso il loro fornitore di pronto intervento. Un esame recente di prova di parecchie alternative al farmaco ha trovato che usando la terapia comportamentistica conoscitiva come il primo trattamento per la depressione può essere ugualmente efficace come facendo uso di un antideprimente della seconda generazione.

La ricerca dall'Internazionale-Università di RTI adi Centro Basato a prova di Pratica di Chapel Hill è stata pubblicata oggi in British Medical Journal. Gli autori hanno messo a fuoco specificamente sul paragonare gli antideprimente della seconda generazione, quali Wellbutrin, Lexapro e Prozac alla terapia comportamentistica conoscitiva, che include in persona parecchio o sessioni del telefono con un terapista per esaminare come gli atti ed i pensieri possono urtare la depressione. Gli antideprimente Di Seconda Generazione si riferisce ai più nuovi antideprimente presentati soprattutto negli anni 80 e negli anni 90.

“Il disordine depressivo Principale è rendere non valido e un modulo prevalente della depressione, sperimentati da più di 16 per cento degli adulti degli Stati Uniti durante la loro vita,„ ha detto Arlene Bierman, M.D., Direttore, Centro per Miglioramento di Pratica e di Prova, all'Agenzia per la Ricerca e la Qualità di Sanità, che hanno costituito un fondo per lo studio. “La Maggior Parte dei pazienti saranno antideprimente prescritti. Tuttavia, la prova indica che la terapia comportamentistica conoscitiva può essere appena come efficace, fornendo le informazioni importanti affinchè i pazienti ed i loro medici consideri quando sceglie fra le opzioni disponibili di trattamento.„

Dopo avere effettuato un esame completo della letteratura scientifica disponibile, i ricercatori hanno esaminato 11 hanno ripartito le probabilità sulle prove controllate con 1.511 paziente che hanno paragonato un antideprimente della seconda generazione alla terapia comportamentistica conoscitiva. Hanno trovato che il miglioramento di sintomo e la tariffa della remissione erano simili fra le due opzioni, se usato da solo o congiuntamente ad a vicenda.

“I clinici di Pronto intervento ed i loro pazienti non possono considerare automaticamente le alternative quando discute il trattamento,„ ha detto Halle Amick, socio di ricerca all'Internazionale-Università di RTI adi Centro e adi autore principale Basati a prova di Pratica di Chapel Hill. “I Nostri risultati indicano che entrambe le opzioni dovrebbero essere considerate efficaci strategie iniziali del trattamento.„

Gli effetti secondari Dagli antideprimente possono comprendere la costipazione, la diarrea e le vertigini. I Pazienti egualmente a volte esprimono le preoccupazioni circa diventare dipendenti ai farmaci e quindi preferiscono la psicoterapia. Tuttavia, la psicoterapia può essere che richiede tempo e può essere sostanzialmente più costosa, secondo le indennità assicurative del paziente.

“L'efficacia comparabile Data, medici deve discutere i vantaggi e gli svantaggi di entrambe le opzioni del trattamento con i loro pazienti. Il processo decisionale comune e informato Tali potrebbe migliorare l'aderenza del trattamento che è una delle sfide principali di trattamento del disordine depressivo principale,„ ha detto Gerald Gartlehner, M.D., direttore associato al del Centro Basato a prova di Pratica di RTI-UNC, che era il ricercatore principale dell'esame di prova, che egualmente è stato pubblicato oggi da AHRQ.

Un articolo pubblicato che descrive tutti i risultati di esame sarà pubblicato negli Annali di Medicina Interna a gennaio.

“Introdurre la psicoterapia nelle discussioni sul trattamento può anche migliorare il coordinamento di cura fra pronto intervento ed i fornitori di cure mediche mentali oltre ad affrontare l'emissione di cura paziente-centrata,„ Amick ha detto. “Se i fornitori di pronto intervento discutono la psicoterapia con i loro pazienti come opzione valida del trattamento, può autorizzare i pazienti per esprimere le loro preferenze e vero per partecipare al processo decisionale medico e per incoraggiarle ad adottare ed aderire all'efficace trattamento della loro depressione.„

Sorgente: Internazionale di RTI