Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La droga di Zoledronate può proteggere le cellule staminali da invecchiamento

Le cellule staminali possono essere protette dagli effetti di invecchiamento da una droga corrente usata per curare i pazienti con osteoporosi, uno studio dell'innovazione ha trovato.

Gli scienziati dall'università di Sheffield hanno scoperto che lo zoledronate della droga può estendere la durata della vita delle cellule staminali mesenchymal diminuendo il danno del DNA.

Il danno del DNA è uno dei meccanismi più importanti di invecchiamento dove le cellule staminali perdono la loro capacità di mantenere e riparare i tessuti in cui vivono e la tengono lavorare correttamente.
La ricerca aprente la strada mostra che la droga protegge le cellule staminali da danno del DNA che migliora la loro sopravvivenza e che mantiene la loro funzione.

Il professor Ilaria Bellantuono, dal dipartimento dell'università di metabolismo, ha detto: “La droga migliora la riparazione del danno in DNA che accade con l'età in cellule staminali nell'osso. È egualmente probabile lavorare in altre cellule staminali anche.

“Questa droga è stata indicata alla mortalità di mora in pazienti influenzati da osteoporosi ma finora non abbiamo conosciuto perché. Questi risultati forniscono una spiegazione quanto a perché può aiutare la gente a vivere più lungamente.

“Ora vogliamo capire se la droga possa essere usata per ritardare o ritornare l'invecchiamento in cellule staminali in gente più anziana e per migliorare la manutenzione dei tessuti quali il cuore, il muscolo e le celle immuni, tenendoli più sani per più lungamente.

“Vogliamo capire se migliori la capacità delle cellule staminali di riparare quei tessuti dopo la lesione, come quando i pazienti più anziani con cancro subiscono la radioterapia.„

Circa 50 per cento del 75enni eccessivo hanno tre o più malattie allo stesso tempo quali la malattia cardiovascolare, le infezioni, la debolezza di muscolo e l'osteoporosi. In futuro è sperato che questa droga potrebbe essere usata per trattare, impedire o ritardare l'inizio di tali malattie piuttosto che facendo uso di una miscela delle droghe.

Il Dott. Bellantuono ha aggiunto: “Siamo promettenti che questa ricerca aprirà la strada per una migliore maturazione per i malati di cancro e la conservazione della gente più anziana più sana per più lungamente vicino la diminuzione del rischio di sviluppare le malattie relative all'età multiple.„

Source:

University of Sheffield