Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La nuova scoperta può presto rendere le celle di carcinoma della prostata più facili distruggere

Una connessione recentemente scoperta fra i due trattamenti di carcinoma della prostata comuni può presto rendere le celle di carcinoma della prostata più facili distruggere. Le droghe che potrebbero sfruttare la scoperta sono già nella conduttura ed in un test clinico da provare se l'individuazione potrebbe migliorare i trattamenti per i pazienti di carcinoma della prostata potrebbero essere soltanto alcuni anni di distanza.

La scoperta anche può permettere che medici determinino meglio quali moduli del trattamento la maggior parte di diversi pazienti del vantaggio e ci possono essere le implicazioni per altri moduli di cancro pure.

Una connessione inattesa

Il carcinoma della prostata è la causa secondo principale della morte del cancro fra gli uomini americani. I trattamenti comuni comprendono la radiazione e l'ablazione dell'androgeno ed i ricercatori all'università di scuola di medicina della Virginia hanno trovato un collegamento inatteso fra i due.

I ricercatori hanno determinato che una via cellulare di segnalazione attivata tramite radiazione - fermare divisione cellulare e permettere riparazione di danneggiamento di DNA - egualmente gestisce la sensibilità delle cellule all'androgeno, un'esigenza delle cellule di carcinoma della prostata dell'ormone del maschio della crescita. L'androgeno e la sensibilità dell'androgeno, a sua volta, possono pregiudicare come le celle di carcinoma della prostata suscettibili (e possibilmente altre cellule tumorali) sono al trattamento radioattivo usato per ucciderli.

“Ora abbiamo un collegamento novello fra due standard di cura differenti per carcinoma della prostata avanzato,„ ha detto il ricercatore Dan Gioeli, PhD di UVA, del dipartimento di microbiologia, biologia del Cancro e dell'immunologia ed il centro del Cancro di UVA. “Per carcinoma della prostata localmente avanzato, radioterapia è uno degli standard di cura e quello induce il danno del DNA, che attiverebbe questa via. Un altro livello di cura per carcinoma della prostata metastatico è ablazione dell'androgeno e quel agisce per inibire l'attività del ricevitore dell'androgeno. Ora abbiamo una nuova comprensione molecolare di come quegli due standard di cura differenti potrebbero essere connessi.„

Migliore trattamento di carcinoma della prostata

Con questi nuove informazioni, medici possono potere manipolare la via di segnalazione, la chinasi 2 del controllo, per renderla più facile uccidere le celle di carcinoma della prostata. Bloccando il trattamento di segnalazione, per esempio, potrebbero sensibilizzare le cellule tumorali alla radiazione progettata per distruggerle. (Gioeli ed i suoi colleghi credono che questa segnalazione possa essere persa come avanzamenti del carcinoma della prostata, contribuenti a spiegare perché la malattia diventa inevitabilmente resistente alla terapia della privazione dell'androgeno.)

Le ditte farmaceutiche importanti già stanno sviluppando le droghe per inibire le chinasi di CHK e Gioeli spera che questo acceleri la prova di test clinico che potrebbe piombo per migliorare i trattamenti di carcinoma della prostata. Provando nella gente potrebbero cominciare durante i soltanto tre - cinque anni, sebbene potessero catturare più lungamente secondo come gli avanzamenti lavori, ha detto.

“I punti seguenti sono di vedere se le nostre previsioni circa… l'ottimizzazione della questa via potrebbero migliorare l'Cancro-uccisione in risposta a radiazione o ad ablazione dell'androgeno,„ Gioeli hanno detto. “Forse piombo ad una combinazione a tre corsie dove stavamo esaminando come il ritiro dell'androgeno sensibilizza le celle del tumore alla radioterapia e se possiamo più ulteriormente migliorare quella sensibilizzazione inibendo questa via.„

Source:

University of Virginia Health System