La Nuova scoperta può aiutare i ricercatori ad affrontare le malattie mitocondriali e le malattie relative all'età

La facoltà Judith Campisi, PhD dell'Istituto del Dollaro, dice che ricercatori dell'età deve smettere di pensare alla senescenza cellulare, ora accettato come driver importante di invecchiamento, come singolo fenotipo che proviene dallo sforzo genotossico. La Ricerca dal suo laboratorio rivela quella senescenza cellulare, un trattamento con cui le celle permanentemente perderanno la capacità di dividersi, egualmente è indotta segnalando dai mitocondri disfunzionali - e che le celle arrestate secernono “uno stufato„ distintamente differente dei fattori biologicamente attivi in un trattamento indipendente dai radicali liberi offensivi che sono creati in mitocondri come componente del metabolismo dell'ossigeno. I risultati sono pubblicati nel Metabolismo delle Cellule.

“Ancora non conosciamo quanto questo trattamento contribuisce ad invecchiamento naturale,„ abbiamo detto Campisi, aggiungente che quegli studi sono corrente in corso. “Ma pensiamo che i risultati siano importanti nell'indirizzo in delle malattie mitocondriali ed in quelle malattie relative all'età, quali certi moduli di Parkinson, che comprendono la disfunzione mitocondriale.„

La scoperta era inattesa ed è stata fatta dal collega postdottorale Christopher Wiley, il PhD, che (in collaborazione con Eric Verdin, PhD, dall'Istituto di Gladstone) stava eliminando i sirtuins, classe A di proteine lungamente collegate alla longevità, uno per uno nelle culture di cellula umana. “Il fenotipo senescente ha accaduto soltanto quando abbiamo eliminato i sirtuins mitocondriali,„ ha detto Wiley. Inoltre, Wiley ha veduto che le celle senescenti hanno secernuto un SASP (fenotipo secretivo senescenza-associato) differente di quanto preveduto - uno che manca del braccio infiammatorio di IL-1-dependent - un fattore principale nel SASP originalmente identificato nel laboratorio di Campisi nel 2008. Gli autori hanno definito questo nuovo MiDAS di fenomeno - senescenza disfunzione-associata mitocondriale.

Con l'identificazione del MiDAS, Wiley egualmente ha trovato che ribaltamento mitocondriale di disfunzione il bilanciamento di NAD+ (un enzima che è un cofattore per i sirtuins), che ha arrestato la crescita delle cellule ed ha impedito il IL-1-associated SASP. “Il gioco di destrezza di NAD+ accade fuori dei mitocondri nel citoplasma della cella,„ ha detto Wiley. “Questo realmente evidenzia un ruolo per i mitocondri, qualcosa di segnalazione understudied nel contesto della malattia. Ed identifica un nuovo tipo di SASP, sottolineante l'esistenza dei tipi differenti di senescenze.„

Wiley egualmente ha identificato il MiDAS SASP in mouse geneticamente costruiti per sviluppare il progeria in risposta alle mutazioni mitocondriali, che causa l'invecchiamento rapido. Il MiDAS SASP ha soppresso il adipogenesis, che gioca un ruolo vitale nel metabolismo e la creazione delle celle grasse. Dice che il lavoro fornisce un collegamento alla lipodistrofia, una condizione medica caratterizzata dalle circostanze anormali o degeneranti che comprendono il tessuto grasso, aggiungente che le droghe in anticipo del HIV (che ancora stanno utilizzande in paesi del terzo mondo) vuotano il DNA mitocondriale e che i pazienti che ricevono le droghe mostrano spesso una perdita particolare di grasso sottocutaneo, particolarmente nella loro fronte di taglio.

“Per tutta la malattia che ha una componente mitocondriale questa ricerca aggiunge una spiegazione potenziale per il driver reale della disfunzione -- e non è radicali liberi, che abbiamo eliminato nel nostro studio„ abbiamo detto Campisi. “La Nostra individuazione suggerisce un nuovo ruolo per i mitocondri quando si tratta del pregiudicare la fisiologia.„

Sorgente: Istituto del Dollaro per Ricerca su Invecchiamento