Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'uso degli steroidi prenatali durante la consegna prematura tardiva impedisce le complicazioni respiratorie neonatali

In uno studio da presentare il 4 febbraio nella seduta plenaria orale alle 8 di mattina EST, alla società per la riunione annuale della medicina Materno-Fetale, la gravidanza Meeting™, a Atlanta, ricercatori con l'istituto nazionale di Eunice Kennedy Shriver della salute dei bambini e della rete Materno-Fetale umana e dello sviluppo della medicina delle unità (MFMU) ha trovato che l'amministrazione degli steroidi prenatali nelle gravidanze a rischio della consegna prematura tardiva impedisce complicazioni respiratorie ed altre neonatali.

Lo studio, nominato steroidi prematuri recenti prenatali (ALPS): una prova ripartita con scelta casuale per diminuire la morbosità respiratoria neonatale era ripartita le probabilità su, la prova alla cieca, controllata a placebo, prova a 17 centri medici terziari intorno agli Stati Uniti dall'ottobre 2010 al febbraio 2015. Lo studio ha iscritto 2.831 donna con le gravidanze di unico nato ad ad alto rischio per la consegna prematura tardiva (34 0/7 - 36 6/7 di settimane) che sono stati ripartiti con scelta casuale per ricevere intramuscolarmente il betamethasone prenatale o un placebo di corrispondenza. Questo studio ha trovato una diminuzione significativa nelle complicazioni respiratorie neonatali nel gruppo dato il trattamento steroide. I ricercatori egualmente hanno trovato che questi bambini erano meno probabili prolungare i soggiorni del vivaio di terapia intensiva, meno probabili avere bisogno del trattamento natale del paletto per le complicazioni respiratorie e meno probabile sviluppare la displasia broncopolmonare, che è un segno dell'affezione polmonare cronica.

Il principale inquirente, Cynthia Gyamfi-Bannerman, M.D., il MSc, Ellen Jacobson Levine ed il professore associato di Eugene Jacobson della salubrità delle donne (nell'ostetricia ed in ginecologia) dal centro medico di Columbia University, hanno messo i risultati nel contesto: “La maggior parte delle consegne premature si presenta verso la fine del periodo prematuro. Ora abbiamo un trattamento che può migliorare significativamente i risultati per questi ai bambini di rischio.„ Lo studio è stato finanziato dal NHLBI, con l'aiuto del canto natalizio Blaisdell, M.D. e il NICHD dell'ufficiale di programma sotto la guida del Uma Reddy, M.D.

Poichè più di 300.000 gravidanze consegnano ogni anno verso la fine del periodo prematuro negli Stati Uniti, questo studio avrà impatto significativo su salubrità dei neonati e degli infanti.

Source:

Society for Maternal-Fetal Medicine