Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Studio: Molti scolari evitano gli alimenti di base dovuto ipersensibilità percepita

Uno studio su ipersensibilità agli alimenti di base munge, egg, pesce ed il grano fra i giovani scolari ha indicato che l'ipersensibilità riferita dell'alimento era otto volte più comune delle allergie confermate dalle prove di allergia. Ciò secondo una nuova dissertazione all'università di Umeå.

“La maggior parte dei bambini con le allergie agli alimenti di base svilupperanno la tolleranza prima dell'età scolare. È quindi importante ricorrente da valutare se l'allergia sospettata o provata del bambino è scomparso,„ spiega Anna Winberg, studente di laurea al dipartimento delle scienze cliniche ed all'autore della dissertazione.

“I genitori potrebbero consigliarsi di escludere determinati alimenti dalla dieta del bambino dovuto ipersensibilità sospettata nel bambino durante il suo primo anno di vita. Tuttavia, questa dieta di eliminazione continua spesso finché il bambino non raggiunga 11-12 anni, senza “l'allergia alimentare„ che è valutata. Molti scolari, quindi, rimangono su una dieta di eliminazione sebbene non sia necessario più, che può piombo ad un'assunzione più bassa delle sostanze nutrienti importanti.„

Lo studio ha coperto tutti gli scolari alle età 7-8 anni nei comuni Luleå, Piteå e Kiruna. I risultati hanno indicato che l'allergia alimentare in corso realmente era rara in bambini che hanno evitato gli alimenti di base dovuto ipersensibilità percepita. Lo studio indicato:

  • L'ipersensibilità riferita dell'alimento all'età di 7-8 era comune (21%) e di studio di approfondimento all'età di 11-12, la prevalenza era aumentato a 26%.
  • L'allergia riferita agli alimenti di base era otto volte più su (5%) che la prevalenza dell'allergia confermata dalle prove di allergia (0,6%).
  • Malgrado quello 14,5% dei bambini all'età di 11-12 anni hanno riferito che essi latte completamente o parzialmente evitato dovuto ipersensibilità percepita, solo 3% di questi bambini ha avuto un'allergia in corso del latte.
  • I bambini con l'allergia in corso o sorpassata del latte hanno fatti confrontare un indice di massa corporea (BMI) più basso ai bambini che non hanno evitato il latte.

Non ci sono dati esatti disponibili sulla prevalenza delle allergie alimentari in Svezia ma una figura stimata di intorno 5-8% dei bambini e 3-5% degli adulti sono commoventi. I bambini più in giovane età con le allergie alimentari sono spesso allergici agli alimenti di base, latte in particolare. I bambini e gli adulti più anziani sono più spesso allergici alle noci, al pesce ed ai crostacei. Precedentemente è stato indicato spesso che la maggior parte dei bambini allergici agli alimenti di base diventa tollerante, prima dell'età scolare.

“I risultati di questo studio mostrano quanto importante è con le diagnosi corrette di allergia e ricorrente valutare le allergie alimentari dei bambini per evitare l'eliminazione inutile di alimento,„ dice Anna Winberg.

Lo studio egualmente ha esaminato i biomarcatori nel sangue ed i campioni di feci relativamente al risultato delle prove di allergia, anche chiamato sfide dell'alimento. Alcuni dei biomarcatori analizzati hanno mostrato i risultati di promessa come potenziale, indicatori prognostici futuri di un'allergia alimentare in corso. Questi risultati, tuttavia, ulteriore convalida di bisogno dagli studi futuri.

Source:

Umeå University