Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio mostra l'alto costo, gli alti effetti secondari e poco guadagno per la chemioterapia nei pazienti più anziani di CCRm

Uno studio pubblicato online davanti alla stampa nell'assistenza medica del giornale indica che su un periodo di dieci anni recente, la tariffa dei malati di cancro colorettali metastatici più vecchi di 75 tre di ricezione o più trattamenti aumentati da 2 per cento a 53 per cento. Durante questo periodo, il costo di un anno del trattamento ha aumentato 32 per cento per raggiungere annualmente i $2,2 miliardo stimato. Tuttavia, la sopravvivenza mediana per questi pazienti ha aumentato di soltanto un mese.

“Inoltre, queste più nuove terapie portano le più tossicità che molte di più vecchie terapie. Questi pazienti possono ottenere più malati e costa loro molta moneta con quasi nessun vantaggio di sopravvivenza,„ dice prima l'autore Cathy J. Bradley, PhD, direttore associato per la ricerca di scienza della popolazione all'università di centro del Cancro di colorado e professore nel banco di Colorado della salute pubblica.

I dati hanno compreso i risultati oltre da 20.000 pazienti di Assistenza sanitaria statale con il colon metastatico o il cancro rettale fra gli anni 2000 e 2009. Lo studio ha esaminato la percentuale di questi pazienti curati con la chemioterapia o un agente dell'obiettivo (bevacizumab). Questi agenti hanno indicato il vantaggio di sopravvivenza in più giovani pazienti ed in quelli con la malattia della fase precedente. Per esempio, lo studio corrente indicato l'aumento della sopravvivenza globale di circa 8 mesi in pazienti ha invecchiato 65-74. Tuttavia, questo stesso vantaggio non era evidente in pazienti più vecchi di 75 di cui il cancro si era sparso.

“Medici ed i pazienti vengono ad un punto in cui nessuno delle terapie standard hanno funzionato ed in modo da sono disposte a assumersi una responsabilità perché non ci sono altre opzioni del trattamento disponibili. Decidono di dare a terapie recentemente approvate una malevolenza di prova data l'assenza di prova solida per il loro uso in questi pazienti bassi più anziani dell'vita aspettativa,„ Bradley dice.

Oltre a dimostrare un aumento di costo globale di 32 per cento nel tumore del colon e di 20 per cento nel cancro rettale, il documento indica che molto di questo costo supplementare è sopportato dai pazienti. Specificamente, pazienti circa $16.000 pagati nei costi vivi per cura nel 2009, rispetto nel 2000 a $11.000. Pazienti non curati in media con chemioterapia pagata più di meno di $5.000 dei 12 mesi che seguono diagnosi. (Per esempio, il trattamento con l'oxaliplatino ha costato $11.593 durante lo studio, mentre il trattamento con la combinazione comune 5-FU/leucovorin ha costato $1.028.) Oltre ai costi diretti di queste chemioterapie, questi agenti richiedono le medicine complementari di assistere i pazienti nel fare fronte agli effetti secondari ed anche di incorrere nelle spese supplementari del ricoverato e del paziente esterno dell'ospedale.

“Nessuno vuole smettere. Per chiunque è duro dire che hanno avuti abbastanza,„ Bradley dice. “Tuttavia, nella cura palliativa di queste situazioni può essere una buona opzione.„

Lo studio si chiude specificando piuttosto senza mezzi termini, “catturato insieme, i regimi multiagent non possono essere di valore alto in termini di costi e della sopravvivenza per i pazienti più anziani di CCRm.„

Source:

University of Colorado Anschutz Medical Campus