Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Gli scienziati medici esaminano il nuovo strumento potenziale per l'aiuto impediscono il colpo, attacco di cuore

Gli scienziati medici hanno controllato appena un nuovo strumento potenzialmente potente per l'aiuto impediscono il colpo e l'attacco di cuore. In uno studio recentemente ha pubblicato in New England Journal di medicina, i ricercatori indicano che una droga ha diminuito il rischio di colpo o di attacco di cuore quasi da un quarto in pazienti che precedentemente avevano sofferto un colpo o un mini-colpo.

È un risultato emozionante per una droga in una nuova classe di farmaco ora che è sfruttato per impedire il colpo ed i problemi cardiovascolari riferiti, dice il Sen di Souvik, un professore della neurologia clinica all'università di scuola di medicina di Carolina del Sud ed uno dei co-author dello studio.

“Prima, abbiamo avuti diluenti di sangue, statins e farmaci di pressione sanguigna, “il Sen dice. Ora possiamo completarlo fuori con questa nuova droga, con i 24 per cento supplementari di riduzione di rischio.„

I tre hanno stabilito gli approcci al colpo la riduzione di rischio che ha reso la frutta significativa, secondo il Sen.

“Quando qualcuno ha un colpo, saranno collocati solitamente più leggermente su un sangue, quali l'aspirina o Plavix, o sarebbe in alcuni casi su un anticoagulante, qualcosa come Coumadin, o su warfarin. Dipende che cosa ha causato il colpo,„ dal Sen dice. “E se hanno qualunque indicazione di colesterolo elevato, o indurimento dei vasi sanguigni, sarebbero collocati su una medicina chiamata uno statin, che è stato indicato a colesterolo più basso come pure impedisce il colpo. E probabilmente il farmaco più importante è uno per il trattamento di pressione sanguigna, che è uno di più grandi fattori di rischio per il colpo.„

L'efficacia dei diluenti di sangue, statins e la gestione di pressione sanguigna nella diminuzione del rischio del colpo è stata dimostrata con agli gli studi basati a prova, il Sen dice, con i tre metodi che diventano, negli ultimi dieci anni o così, un livello di cura per curare i pazienti che hanno sofferto un colpo. Ma c'era un altro fattore di rischio connesso con il colpo che i ricercatori hanno voluto esaminare più con attenzione: insulino-resistenza.

L'insulino-resistenza è un punto iniziale verso il diabete di tipo 2. In diabete di tipo 2, l'organismo può fare l'insulina, che regolamenta le glicemie, ma per le ragioni per cui rimane poco chiaro, non può utilizzarlo efficacemente quanto in una persona inalterata. (Diabete di tipo 1, una volta che il diabete chiamato di giovanile-inizio, è un un altro paio di maniche: in quella malattia autoimmune, la capacità del pancreas anche di produrre l'insulina glucosio-gestente essenzialmente si è eliminata.)

I ricercatori avevano indicato quell'insulino-resistenza--a volte riferito a come pre-diabete dato la sua vicinanza del diabete di tipo 2 propriamente detto--è stato associato con un elevato rischio del colpo e dell'attacco di cuore. Entrambi quegli eventi medici acuti comprendono un coagulo di sangue che si libera all'interno dell'apparato cardiovascolare, essendo portando a ed essendo costituiti ad un altro sito in circolazione sanguigna e flusso sanguigno poi di limitazione ad un tal grado che il danno di tessuto accade, se in cervello (colpo) o muscolo di cuore (attacco di cuore).

Il gruppo di ricerca ha precisato per provare il pioglitazone, una droga all'interno di classe A di farmaci (tiazolidinedioni) che è stata indicata per contribuire a diminuire l'insulino-resistenza; cioè aumenti la sensibilità dell'insulina. Alcuni studi precedenti delle droghe all'interno di questa classe avevano indicato i problemi potenziali con gli effetti secondari, in modo dal gruppo ha dovuto stare attento a non iscrivere i pazienti con determinati rischi, specialmente per infarto.

In un quinquennale, lo studio in doppio cieco del pioglitazone contro un placebo, il gruppo ha trovato che i pazienti che ricevono la droga hanno avuti 24% meno incidenze del colpo o dell'attacco di cuore, come riportato in New England Journal di medicina. Poichè tutti pazienti coinvolgere già stavano ottenendo un livello di cura molto alto che entra in prova, il livello di successo era sorprendente e dovrebbe tradurre in ulteriore progresso nella diminuzione dell'impatto del colpo.

“È un risultato molto positivo. Vediamo il pre-diabete continuamente in molti di questi pazienti e prima, la strategia di prevenzione non sarebbe stata alcun differente,„ il Sen dice. “E questo farmaco, oltre ad impedire il colpo, egualmente sta impedendo il diabete.„

Egualmente rappresenta un nuovo approccio verso meglio la comprensione del disturbo che sproporzionatamente i colpi ed uccide nel sud-est per le ragioni per cui, secondo il Sen, completamente non è rappresentato.

“Siamo all'interno di che cosa è chiamato la fascia del colpo e la tariffa del colpo più alta è qui in North Carolina, in Carolina del Sud e nella Georgia. Così realmente siamo chiamati il fermaglio della fascia del colpo--anche all'interno della fascia del colpo abbiamo il più alta tariffa,„ il Sen dice. “È egualmente una fascia di rischio del diabete, una fascia di rischio di ipertensione, una fascia di fumo e la gente pensa che quei fattori siano alcune delle ragioni per le quali la fascia del colpo esiste, ma anche quando gestite per quei fattori, solo 60 per cento del rischio sono rappresentati.„

“Quel significa che i buon 40 per cento del rischio sono non spiegati e studia come questa guida per muovere la ricerca in questa area avanti. È buono da sapere che il pre-diabete è un fattore di rischio per il colpo o l'attacco di cuore e che possiamo fornire un metodo supplementare di prevenzione.„

Source:

University of South Carolina