Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori dell'università di riso scoprono le cellule tumorali evasive del polmone

I ricercatori alla Rice University ed il centro del Cancro di Anderson di MD dell'università del Texas hanno scoperto un trucco usato dalle cellule tumorali del polmone per nascondersi dal sistema immunitario dell'organismo.

I ricercatori hanno trovato i collegamenti fra gli atti e le reazioni sottili che permettono che le celle cancerogene si spargano con piccolo per stare nel loro modo. Il gruppo piombo dal Dott. Edwin Ostrin, un assistente universitario di medicina polmonare al MD Anderson ed il fisico biologico teorico Herbert Levine a riso, dettagli i sui risultati nello studio negli atti di questa settimana dell'Accademia nazionale delle scienze.

Lo studio indica per la prima volta che alcune cellule tumorali aggressive del polmone visualizzazione hanno diminuito significativamente l'espressione delle proteine conosciute come i immunoproteasomes, un attore chiave nel trattamento che segnala le cellule T del sistema immunitario per attaccare le celle malate. I ricercatori suggeriscono che possa essere possibile migliorare la produzione di queste proteine per ignorare il meccanismo di fuga delle cellule.

Immunoproteasomes è prodotto dentro le celle, in cui degradano le proteine non necessarie o nocive, compreso quelli prodotti invadendo gli agenti patogeni. I pezzi degradati sono secernuti dalla cella e saldano alla sua superficie e creano i gavitelli che informano le cellule T vicine della natura malata delle cellule.

Se le cellule T non percepiscono questi gavitelli di superficie, chiamati antigeni, un cancro è più probabile eludere la rilevazione e la distruzione. I dati riuniti nel corso degli anni dai ricercatori di Anderson di MD mostrano i pazienti con il cancro polmonare della non piccolo cella della fase iniziale -- il tipo più comune -- chi hanno espressione bassa dei immunoproteasomes sia più probabile vedere i loro cancri ritornare dopo il trattamento e riprodurrsi per metastasi.

I ricercatori piombo da Dott. Satyendra Tripathi, un collega postdottorale al MD Anderson e autore principale del documento, precisato per scoprire perché i immunoproteasomes sono diminuiti in celle del polmone che transitioning dalle celle epiteliale tipe, che legano l'un l'altro per formare i rivestimenti dell'organo e dell'interfaccia, alle celle mesenchymal tipe di fluttuazione. Tripathi aveva osservato l'espressione di un cluster dei geni che codificano i immunoproteasomes e la loro associazione con epiteliale alla transizione mesenchymal.

“I Cancri che contengono le celle che esprimono gli indicatori mesenchymal tendono ad essere stadio avanzato, più aggressivi e più metastatici,„ Ostrin ha detto. “Identificare questo nuovo meccanismo apre una via potenziale per l'esposizione delle queste celle all'attacco immune.„

I ricercatori al MD Anderson ed il riso hanno combinato gli sforzi per osservare la causa - e - effetto dei livelli di espressione di dozzine di geni che rappresentano le proteine da 42 righe del cancro polmonare della non piccolo cella.

“Una di nuove idee principali nella terapia è di convincere in qualche modo il sistema immunitario a combattere contro il cancro,„ Levine ha detto. “Che cosa vogliamo capire è come le caratteristiche delle cellule tumorali l'uno o l'altro migliorano quella possibilità o la precludono.„

Levine, co-direttore del centro del riso per fisica biologica teorica, ha detto che è stato conosciuto per un po di tempo che le celle mesenchymal tipe mobili sono relativamente resistenti alla chemioterapia. “Ora, che cosa sembra anche essere vero è che le celle sono relativamente più resistenti ad immunoterapia.„ L'immunoterapia mira ad amplificare il proprio sistema immunitario dell'organismo per combattere il cancro.

I ricercatori di Anderson di MD piombo da Ostrin e dal Dott. Samir Hanash, Direttore dell'istituto di McCombs per l'individuazione tempestiva ed il trattamento di Cancro, hanno profilato l'espressione della proteina nelle linee cellulari dell'obiettivo ed hanno correlato i dati ai risultati pazienti; nel frattempo, i ricercatori del riso hanno sviluppato i modelli elaborati dal calcolatore che li hanno permessi di combinare e valutare rapido col passare del tempo le vie di proteina-segnalazione.

“L'idea era di non lasciare pietra rigirata,„ Levine ha detto. “Abbiamo modellato i cambiamenti nell'espressione genica che può essere misurata prontamente, in come potrebbero essere causati e come questi sono correlati a tutti i altri cambiamenti che continuano nelle celle.

“Vogliamo andare dalla biologia di base di definizione dei circuiti e come cambiano l'espressione di queste proteine chiave ad indicare che realmente hanno una conseguenza in termini di riconoscimento dal sistema immunitario,„ ha detto.

Che cosa è emerso era che la soppressione dei immunoproteasomes sembra essere una conseguenza dei cicli di feedback attivati dalla transizione alle celle mesenchymal tipe. Il punto seguente, i ricercatori hanno detto, è di considerare se indurre la produzione immunoproteasome in cellule tumorali dell'obiettivo neutralizzi le loro tattiche dell'evasione. Ciò ha potuto essere provata nei modelli animali.

“Spereremmo che l'inversione di questo downregulation con il trattamento con IFN-gamma, la rapamicina o 5 che aza-CC può lavorare simbiotico con inibizione immune del controllo che corrente sta provando così la promessa in molti cancri,„ Ostrin dicesse.

“Dallo scopo alto di dire come uno dovrebbe modificare il trattamento di cancro, tutta la puramente modellistica dello sforzo sta andando essere incrementale,„ Levine ha detto del contributo del suo gruppo. “Ma in questo studio, perché ha dati reali dai pazienti reali che dicono questo è un problema reale, modellante contribuisce ad indicarci in una direzione che del trattamento potremmo realmente cominciare per provare.„

Source:

Rice University