Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Quasi metà degli adulti afroamericani a rischio di ipertensione di sviluppo

Gli stats sono troppo abituati: Quasi la metà degli adulti afroamericani è a rischio di ipertensione di sviluppo, una tariffa significativamente più superiore a quella di qualunque altro gruppo negli Stati Uniti. i disturbi in relazione con l'ipertensione, quali i colpi e la malattia renale di stadio finale, rappresentano 20 per cento di tutte le morti fra gli afroamericani.

Poi ci sono i fatti poco-noti - quali le differenze inerenti fra i nero ed i bianchi nel regolamento di pressione sanguigna sia durante resto che l'esercizio. Queste disparità esistono anche fra i nero sani e non ipertesi.

Due docenti all'università del Texas all'istituto universitario di Arlington dell'innovazione di salubrità e di professione d'infermiera hanno estratto $376.000 istituti nazionali della concessione di salubrità per studiare tali differenze nelle risposte vascolari. David Keller, un decano di socio e presidenza del dipartimento dell'istituto universitario della cinesiologia e del professor Paul Fadel, Direttore della cinesiologia di scienza di traduzione clinica, dice che le comprensioni guadagnate con il loro studio contribuiranno a combattere e diminuire significativamente il flagello di ipertensione fra gli afroamericani come pure in altre popolazioni.

“Stiamo provando a capire i meccanismi di fondo nel regolamento di pressione sanguigna,„ Keller ha detto. “Sappiamo che gli afroamericani rispondono diversamente ai moduli differenti dello sforzo fisiologico, quali l'esercizio, il freddo ed altri moduli acuti dello sforzo. Stiamo esaminando i meccanismi per contribuire a spiegare le differenze di tesi.„ Fadel ha aggiunto: “Se possiamo capire meglio il meccanismo possiamo capire meglio le strategie del trattamento.„ Lo studio esaminerà due gruppi differenti: coloro che viene dalle famiglie con una cronologia di ipertensione e coloro che non fa. Keller ha detto che una comprensione accurata dei meccanismi biologici connessi con ipertensione potrebbe avere ramificazioni significative per tutti i razziale e gruppi etnici. “Se abbiamo una migliore comprensione di tutti i meccanismi che di fondo potrebbe piombo per migliorare il trattamento in tutte le popolazioni,„ ha detto.

Rappresentante dello stato. Nicole Collier, valore della D-Fortificazione, ha lodato lo studio e che ha detto che il suo risultato avrebbe amplificato gli sforzi di benessere e di salubrità in comunità di afroamericani. “Questo è un esempio eccellente del genere di ricerca accademica che getterà la base potenzialmente per trasformare la sanità non solo in comunità di afroamericani ma per tutti che soffrano dalle malattie riferite ipertensione,„ ha detto Collier, un membro del comitato di salute pubblica della Camera.

“Ottenere una manopola su questo disturbo migliorerà significativamente i risultati positivi di salubrità ed aiuterà le nostre comunità a prosperare in un modo più sano.„ Le configurazioni di studio su precedente da Keller che ha cominciato nel 2009 ed ha evidenziato le differenze nel regolamento della tariffa e della pressione sanguigna di sangue fra i nero ed i bianchi con i valori di pressione sanguigna normali a riposo e durante l'esercizio. “È sembrato essere di meno di una capacità di difendere contro le sfide ipersensibili ed aumenti nella pressione sanguigna fra i partecipanti afroamericani,„ Keller ha detto.

Anne Bavier, decano dell'università del Texas all'istituto universitario di Arlington dell'innovazione di salubrità e di professione d'infermiera, ha notato quello che migliora la salubrità e lo stato umano è uno dei quattro temi principali della pianificazione strategica 2020 del UTA.

Ha chiamato lo studio un la parte importante dell'impegno dell'istituto universitario al contributo al corpo di conoscenze nella sanità ed al servizio e ad autorizzare della comunità con la ricerca. “La malattia cardiovascolare è l'uccisore di numero uno in America,„ Bavier ha detto. “Malgrado i miglioramenti medici significativi nell'affrontare questa malattia negli ultimi anni, ancora abbiamo parecchio da fare, specialmente in comunità di afroamericani. Il lavoro del Dott. Keller e del Dott. Fadel è criticamente una parte importante di eliminazione del questo divario di salubrità.„

Source:

University of Texas at Arlington