Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La droga dell'infarto ha capacità inattesa di bloccare l'infezione di herpesvirus

Oggi, c'è soltanto una classe di medicine antivirali contro i herpesviruses - una famiglia dei virus che causano la mononucleosi, il herpes e le assicelle, tra altre malattie - opzioni di significato per il trattamento delle queste infezioni è limitato. Se i virus diventano resistenti a questi trattamenti di linea di battaglia, un problema crescente specialmente nelle impostazioni cliniche, là non è droghe di alternativa da servire da backup.

In una ricerca di nuove droghe per trattare le infezioni virali, gli scienziati dall'università di scuola di medicina di Utah hanno trovato che una medicina usata ordinariamente per curare l'infarto, spironolactone, ha una capacità inattesa di bloccare l'infezione dal virus di Epstein-Barr (EBV), un herpesvirus che le cause mono ed è associata con parecchi cancri umani. Trovano che i beni antivirali della droga provengono dalla sua capacità di bloccare un punto chiave nell'infezione virale che è comune a tutti i herpesviruses. L'obiettivo di Spironolactone è distinto da quello delle droghe attuali, rivelando che potrebbe essere sviluppato in una nuova classe di droga anti--herpesvirus.

“È notevole che una droga che abbiamo utilizzato sicuro nella clinica per oltre 50 anni è egualmente un efficace inibitore di EBV,„ dice Sankar senior Swaminathan autore, M.D., capo della malattia di infezioni all'università di sanità di Utah e professore di medicina interna. “Va mostrare come la ricerca di base può rivelare le cose che non avremmo trovato mai altrimenti.„ In collaborazione con l'assistente universitario della ricerca di medicina interna Dinesh Virma, del Ph.D. e Jacob Thompson, ha pubblicato lo studio negli atti dell'Accademia nazionale delle scienze (PNAS).

Il gruppo di Swaminathan ha scoperto i beni antivirali degli spironolactone in uno schermo per identificare le droghe che funzionano attraverso un meccanismo che è differente da quello delle droghe anti--herpesvirus esistenti. Le droghe attualmente disponibili bloccano un punto medio del ciclo di infezione virale inibendo la capacità dei virus di ripiegare il DNA. Hanno trovato che come queste droghe, lo spironolactone può bloccare la replica di EBV in celle, ma agisce in tal modo mirando alla cosiddetta proteina di MP, richiesta per un punto recente nel ciclo di infezione.

D'importanza, la capacità degli spironolactone di bloccare l'infezione virale sembra essere indipendente dalla sua capacità di curare l'infarto. Gli studi precedenti hanno indicato che la droga cura l'infarto attraverso un meccanismo differente e metabolico. Questo studio dimostra che una droga simile allo spironolactone divide la sua capacità di trattare l'infarto ma i non sui beni antivirali. I risultati indicano insieme che i due meccanismi sono separabili.

“Pensiamo che ci sia grande potenziale di modificare questa molecola in moda da poterla lavorare come un antivirale senza avere effetti secondari indesiderati,„ spieghi Swaminathan. Spironolactone ha potuto essere sviluppato come una nuova medicina contro EBV, infezione comune e pericolosa fra trapianto ed altri pazienti immunocompromised.

Ma perché tutti i herpesviruses dipendono dalle proteine del tipo di MP per spargere l'infezione, il lavoro egualmente ha più vaste implicazioni. Spironolactone ha potuto essere un modello per una nuova classe di droga diretta contro tutti i herpesviruses.

“Abbiamo trovato un nuovo obiettivo terapeutico per i herpesviruses,„ dice Swaminathan. “Pensiamo che possa essere sviluppatgli in una nuova classe di droghe antivirali da aiutare superi il problema delle infezioni resistenti alla droga.„

Source:

University of Utah Health Sciences