MicroRNA può contribuire a combattere l'obesità ed il diabete

L'obesità, che è associata con infiammazione di qualità inferiore, è un contributore importante nello sviluppo del diabete e della malattia cardiovascolare. Mentre il ruolo di parecchi organi compreso il tessuto adiposo è stato implicato in questo trattamento, i tipi ed i fattori delle cellule che determinano questo trattamento non sono stati chiari. Facendo uso di un modello preclinico dell'obesità, i ricercatori a Brigham e l'ospedale delle donne (BWH) hanno scoperto che un piccolo, il RNA miR-181b chiamato molecola di non codifica è un determinante importante dai dei cambiamenti indotti da obesità in tessuto adiposo gestendo la funzione delle imbarcazioni in tessuto adiposo. I risultati hanno potuto dirigersi verso i nuovi obiettivi per lo sviluppo del trattamento o l'obesità ed il diabete. Lo studio è pubblicato nell'edizione del 4 marzo della ricerca di circolazione.

I ricercatori hanno identificato che l'espressione di miR-181b era più bassa in celle endoteliali del tessuto adiposo, ma non adipocytes, dopo appena una settimana di alimentare ad alta percentuale di grassi in mouse. Il gruppo ha supposto quello che ricostituisce questo microRNA in mouse obesi potrebbe migliorare lo sviluppo di insulino-resistenza/diabete. Effettivamente, hanno trovato che le iniezioni di un mimo di miR-181b nei mouse obesi contrassegnato hanno migliorato la sensibilità dell'insulina, glucosio livellano e diminuito l'infiammazione in tessuto adiposo.

Il gruppo ha trovato che la fosfatasi PHLPP2 della proteina è un obiettivo diretto di miR-181b e che la soppressione della proteina egualmente ha migliorato la sensibilità dell'insulina, il glucosio livella ed infiammazione in mouse, fornenti un nuovo obiettivo supplementare per la terapia.

Per concludere, il gruppo ha notato che i livelli elevati di PHLPP2 erano in celle endoteliali dai pazienti diabetici che i pazienti in buona salute, suggerenti i nuovi risultati in mouse sono pertinenti alla malattia umana.

“Abbiamo scoperto che un microRNA che funziona per inumidire la risposta infiammatoria nel sistema vascolare del tessuto adiposo mirando alle celle endoteliali che circondano i adipocytes e una via quello piombo a produzione aumentata dell'ossido di azoto,„ ha detto il segno di autore senior W. Feinberg, un medico del socio a BWH. “Il ruolo utile di questo microRNA nell'obesità è probabile la punta dell'iceberg poiché l'eccessiva infiammazione è un'individuazione dominante in una vasta gamma malattie infiammatorie croniche.„

Un editoriale accompagnante nel giornale nota che “facendo uso dei microRNAs modulare l'asse adipocyte-endoteliale delle cellule in tessuto adiposo può offrire i nuovi strumenti per combattere l'epidemia crescente dell'obesità e dei sui comorbidities del socio.„

Source:

Brigham and Women's Hospital