la proteina di Cella-segnalazione tiene il tasto a formazione di comprensione degli autoanticorpo nei pazienti di lupus

Una molecola di segnalazione chiamata gamma dell'interferone potrebbe tenere il tasto a capire come gli autoanticorpo nocivi si formano nei pazienti di lupus. L'individuazione ha potuto piombo ai nuovi trattamenti per la malattia autoimmune cronica, ha detto i ricercatori all'istituto universitario di Penn State di medicina.

Il lupus eritematoso sistemico (SLE) è il modulo più comune di lupus. In pazienti con SLE, il sistema immunitario forma gli autoanticorpo che attaccano le proprie celle dell'organismo, causando l'infiammazione ed il danno di tessuto. Come il modulo appartato e pericoloso di questi anticorpi è un'area importante di interesse per i ricercatori di lupus.

Quando un agente patogeno come un virus invade l'organismo, le celle immuni chiamate linfociti di B si moltiplicano per combattere lo straniero. Questi gruppi di linfociti di B producono gli anticorpi destinati specialmente per combattere l'invasore specifico o trasformarsi nelle celle ed i linfociti B di memoria disecrezione che forniscono la protezione a lungo termine e contribuiscono a proteggere la prossima volta lo stesso agente patogeno è incontrato.

In sia esseri umani che mouse con lupus, i gruppi di linfociti di B (linfociti B) sorgono spontaneamente in assenza di un'infezione patogena. Invece di produzione degli anticorpi per combattere un'infezione, pompa di questi gruppi fuori ha specializzato gli autoanticorpo che attaccano efficientemente il tessuto sano. Questi attacchi alle proprie celle dell'organismo sono l'marchio di garanzia dei disordini autoimmuni come lupus.

Autoanticorpo-secernendo i linfociti B ed i linfociti B di memoria che generano continuamente gli autoanticorpo egualmente sono creati, installando l'organismo per gli attacchi in corso, infiammazione cronica e-sopra danno dell'del tempo organo.

Ma che fattori determinano lo sviluppo dei gruppi di linfociti B, chiamati linfociti B autoreactive, che producono gli autoanticorpo nel lupus?

Il Dott. Ziaur S.M. Rahman, assistente universitario di microbiologia e dell'immunologia, sta lavorando per rispondere al che fattori determinano lo sviluppo dei gruppi di linfocita B senza la presenza di agente patogeno.

L'istituto universitario di Penn State dei ricercatori della medicina ha puntato il ruolo di una cella-segnalazione particolare di citochina-un proteina-chiamata gamma dell'interferone, quella è compreso nel sistema immunitario. I ricercatori hanno pubblicato oggi i loro risultati nel giornale di medicina sperimentale.

La gente con SLE tende ad avere livelli elevati di produzione di gamma dell'interferone ed i mouse di lupus che sono carenti in hanno diminuito la produzione degli autoanticorpo e la malattia renale meno severa, una complicazione importante di lupus.

Per scoprire se la gamma dell'interferone è dietro la formazione di gruppi spontaneamente sviluppati di linfocita B, i ricercatori hanno esaminato i mouse di lupus di cui i ricevitori di gamma dell'interferone in linfociti B erano stati eliminati.

Questi mouse non hanno formato i gruppi, mentre i mouse che hanno avuti ricevitori intatti di gamma dell'interferone hanno fatto. Questi mouse egualmente hanno avuti livelli più bassi degli autoanticorpo coinvolgere nel lupus confrontato ai mouse normali.

“Questo suggerisce che la segnalazione di gamma dell'interferone in linfociti B sia critica per la formazione di gruppi e di autoimmunità spontaneo-in via di sviluppo di linfocita B,„ Rahman ha detto. “Se poteste mirare a questa via di segnalazione di gamma dell'interferone in linfociti B, potreste potenzialmente trattare il lupus.„

Inoltre, i ricercatori egualmente hanno scoperto che la formazione di gruppi normali di linfocita B che producono gli anticorpi per combattere le infezioni reali non dipende dalla segnalazione di gamma dell'interferone.

Le opzioni correnti del trattamento per SLE sono limitate all'uso degli immunosoppressori che rendono i pazienti suscettibili dell'infezione. Questo intervento novello potrebbe essere un miglioramento per i pazienti di lupus, poichè mirando alla segnalazione di gamma dell'interferone eliminerebbe i gruppi di linfociti B spontaneamente sviluppati che producono gli autoanticorpo e tengono le risposte normali del linfocita B intatte per combattere contro l'infezione, Rahman ha detto.

Source:

Penn State Milton S. Hershey Medical Center