Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'esperto severo nell'innovazione di NYU scopre il nuovo collegamento fra il diabete ed il morbo di Alzheimer

In un nuovo documento pubblicato dal giornale del morbo di Alzheimer, il professor Melissa Schilling, una strategia e l'esperto nell'innovazione al banco severo di NYU dell'affare, scopre una nuova connessione sorprendente fra il diabete ed il morbo di Alzheimer: il hyperinsulinemia, che è causato il più spesso dai prediabetes, presto o il diabete undiagnosed, o l'obesità, è responsabile quasi della metà di tutti i casi del morbo di Alzheimer.

L'associazione americana del diabete stima che approssimativamente 8,1 milione Americani abbiano diabete undiagnosed e 86 milioni hanno prediabetes.

Il professor Schilling ha effettuato un esame su grande scala attraverso le discipline delle centinaia di articoli pubblicati specifici alla via fra insulina ed il morbo di Alzheimer ed ha messo a fuoco sui incongruencies nella letteratura. Che cosa ha scoperto, di conseguenza, era una comprensione significativa e nuova della relazione fra queste due malattie distintive.

“Che cosa ho imparato dalla mia ricerca dell'innovazione sono che gli specialisti possono essere intrappolati nella logica del loro campo, in modo dalle nuove prospettive vengono spesso dagli stranieri,„ ha detto il professor Schilling. “Se possiamo sollevare la consapevolezza ed ottenere più gente esaminata a hyperinsulinemia, particolarmente coloro cui sono stati diagnosticati con o cui sia a rischio di demenza, potrebbe diminuire significativamente l'incidenza del morbo di Alzheimer e della demenza vascolare come pure altri problemi sanitari legati al diabete.„

I risultati hanno implicazioni significative per sia polizza che praticano, secondo il professor Schilling:

  • Un terzo della popolazione degli Stati Uniti è pre-diabetico eppure non la conosce, ma la prova esiste e dovrebbe essere usata.
  • Tutti i pazienti di demenza dovrebbero immediatamente essere esaminati ad intolleranza al glucosio di problemi poiché l'intervento può rallentare o persino invertire la malattia.
  • La popolazione in genere dovrebbe essere esaminata regolarmente a tolleranza del glucosio, preferibilmente con la prova dell'emoglobina A1c, che non richiede il digiuno.
  • FDA dovrebbe studiare la possibilità di richiedere ai produttori di alimento di stampare l'indice analitico glycemic dei loro prodotti sui loro contrassegni.
Source:

IOS Press